26 dicembre 2007

Vista e Ubuntu alleati... contro di me!!!

Le mie disavventure informatiche stanno raggiungendo, ultimamente, livelli di parossismo hollywoodiano.
Per motivi lavorativi sono stato costretto ad acquistare una licenza di Vista Home Premium.
E qui devo tediarvi con la descrizione del mio sistema.
Il mio pC è basasto su una CPU Dual Core con 4GB RAM e una pistra madre Gigabyte 965P-DS4. La peculiarità di questa mainboard è che consente di effettuare il Boot da un Disco Specifico scelto in fase di avvio. In altri termini, per far coesistere Ubuntu e Vista non devo arrabattarmi a cercare di configurare un boot manager per far funzionare il dual boot. E' sufficiente far partire il PC sempre da Ubuntu e premere F12 all'avvio se intendo far partire Vista. Il mio PC ha 3 Hard Disk. Uno per Ubuntu, uno per Vista e uno esclusivamente per i Dati. Ovviamente, posso accedere a tutti i dischi sia da Vista che da Ubuntu.
Quindi ho installato Vista sul suo Disco e ho fatto tutti i miei aggiusti. Posso vantarmi di aver trovato una soluzione Open Source per tutte le mie esigenze anche nell'ambito windows. Ma....
Beh, il malefico sistema operativo di Redmond continua a subire crash di Explorer. E poi 'perde' spesso i drivers della scheda video ( una banale Nvidia 7300 a raffreddamento passivo ). Come se non bastasse, ogni volta che ciò capita la copia di Vista crede che l'hardware del PC sia cambiato ed effettua la procedura di riattivazione. Sono certo che ciò mi causerà dei problemi in futuro ma me ne occuperò al momento. Sarebbe carino, tuttavia, che i danni di questo comportamento mi venissero risarciti, considerando che ho pagato fior di quattrini la suddetta licenza... Infatti, ho ben altri problemi: spesso, appena accendo il computer, ottengo uno schermo nero e basta. Fino ad ora dopo un reset il sistema si è avviato, ma per quanto tempo me la caverò così? In genere, questo è un sintomo di problemi di alimentatore o mainboard. Considerando che di cambiare la mainboard proprio non se ne parla ( danno stimato € 250.00 ) e che l'alimentatore è un thermalteke 600w nuovo... Beh, sono alquanto irritato.
Ma non è finita qui.
Già, perchè anche Ubuntu sembra essersi accordato con Vista per farmi i dispetti.
Un paio di giorni fa m isi è sputtanato il server grafico X. Per motivi ignoti. ( In windows è pane quotidiano, in linux no di certo...)
Vabbè, mi dico: proviamo ad installare il driver proprietario manualmente. Infatti, ho un piccolo problema con la configurazione del mio sistema doppio schermo. In presenza degli effetti desktop, i due schermi sono obbligatoriamente visti da X come un unico schermo col risultato di non poter massimizzare le finestr manualmente, pena l'ingrandimento su entrambi i monitor. Per intenderci: in questo modo, vedendo un film, l'immagine è tagliata dalle cornici centrali dei due schermi. Quindi ho colto l'occasione per tentare di risolvere la faccendo installando i drivers proprietari nvidia aggiornati.
IO: ctrl+maiusc+backspace, login, nomeutenteepassword, sudo /etc/init.d/gdm stop, cd /home, sudo sh NVIDIADRIVERS.sh eccetera. ( traduzione: abbandono l'interfaccia grafica, fermo il servizio del server grafico, quello che fa muovere il mouse ecc.., installo il driver NVIDIA e riavvio il server grafico ).
UBUNTU: ok, ti insallo i drivers, fai il bravo e aspetta.
IO: sudo /etc/init.d/gdm start
UBUNTU: sono in esecuzione in modalità grafica minima, che vuoi fare? ( traduzione: il tuo driver non mi piace )
IO: maporcaputt.. configure, select driver by name: nvidia, ok. ( guarda che devi usare il driver proprietario )
UBUNTU: sono in esecuzione in modalità grafica minima, che vuoi fare? ( traduzione: il tuo driver non mi piace )
IO: mavaff... configure, select driver by name: nv, ok. ( va bene, se il driver proprietario ti sta antipatico usa pure quello open source basta che ti muovi)
UBUNTU: sono in esecuzione in modalità grafica minima, che vuoi fare? ( traduzione: il tuo driver non mi piace )
IO: lafessdmam... non è che mi lasci molta scelta: sudo dpkg-reconfigure xserver-xorg (traduzione: ricominciamo da capo e riconfiguriamo assieme il server grafico X, se fai il bravo ti do un bacetto...)
quindi clickete clickete clickete....
UBUNTU: sono in esecuzione in modalità grafica minima, che vuoi fare? ( traduzione: il tuo driver non mi piace )
IO: maporcamign...va bene così: OK.
Mi compare il mio bel desktop alla magica risoluzione di 640x480. Su un LCD da 19" non è un bel vedere... E poi le partizioni dei dischi si sono scombussolate, il file di configurazione /etc/fstab riporta valori sballati. E anche questo non è un bel sintomo... Rimetto tutto a posto a manina, sudo fdisk -l e poi riporto i valori corretti in fstab. sudo mount -a e torna tutto ok. Ricominciamo con gli smanettamenti sul server grafico X ma mi viene in mente la Prima legge del System Administrator: il Backup è vita....
Quindi mi salvo i dati di evolution e i preferiti di firefox, salvo il necessario della cartella home, tanto il resto è sul disco dedicato ai dati... E faccio bene.
3 smanettamenti dopo sono irrimediabilmente coinvolto e bloccato nel loop IO: faccio tutto il possibile, UBUNTU: sono in esecuzione in modalità grafica minima, qualunque cosa tu faccia poi ti mostro uno schermo marrone con su solo il puntatore del mouse.
Al che, mi sono ricordato della terza legge del System Administrator: se ti ci vuole più di un quarto d'ora per aggiustare un sistema di cui hai un backup completo ti conviene formattare.
E così ho fatto. DVD di ubuntu nel lettore e piallaggio della macchina. Faccio gli aggiornamenti, installo il driver proprietario nvidia, disabilito completamente gli effetti grafici, importo i backup e ora ho un sistema funzionante con due monitor estesi ma indipendenti che va alla perfezione...
Beh, mica tanto:
All'avvio spesso si inchioda dopo il boot su uno schermo nero in cui c'è solo la scritta: Kernel is Alive...
Quindi ho due problemi in fase di boot, uno all'accensione e uno al caricamento di ubuntu...
Suggerimenti?
No, gettare tutto dalla finestra non è un suggerimento valido: non si gettano i rifiuti per terra...