14 marzo 2011

Patria, 17 Marzo 2011


Sono stato tentato a lungo di impostare questo topic come elenco di contrapposizioni.
Che so, alla Lega Nord, degna erede di una tradizione neocolonialista che ha spolpato il Sud Italia di tutte le sue ricchezze e continua a farlo ancor oggi con politiche di rapina economiche ed umane.
Ma poi ho pensato alla Patria.
Ossia,  al perchè mi incazzo coi berluscones o i leghisti ed affini.
Perchè io sono cittadino di un'Italia per cui sono concretamente patriota.
Solo che è difficile rendersene conto.
E' vero che i piemontesi hanno macellato il Sud, ma è anche vero che noi non siamo solo il frutto di quello stupro.
Siamo ben altro.
Nonostante tutto, siamo un miracolo.
Dal Marocco alla Croazia, credo che siamo la Nazione dove si vive meglio nel Mediterraneo.
E, questo, grazie allo Stato Unitario.
Esistono tante tante e tante ragioni per festeggiare, per essere fieri dell'Italia.
I motivi che possono indurre a non farlo sono dei 'nonostante tutto'.
Di cui portare memoria, per cui indignarsi, per cui lottare.
Ma insufficienti per togliersi il gusto di festeggiare centocinquant'anni di Vita della Patria.
Perchè la mia Patria, quella da me direttamente conosciuta e vissuta, è stata avara e disonesta ma mi  ha nutrito e fatto vivere in relativo lusso.
Non ho avuto tanti professori indimenticabili.
Ma ne ho avutoi.
Non ho avuto la miglior scuola possibile, ma ne ho avuta una.
Soprattutto, ho potuto vivere assieme ad altri Patrioti e scoprire un significato alto di Comunità e Popolo.
Quindi, questa settimana, magari rifletterò un po' sulle cose che fanno grande l'Italia, sui cardini che ci consentiranno di smuovere il bel paese una volta che la tempesta sarà passata.
Ed ecco, ovviamente, la colonna sonora della settimana, giusto per ricordare a suon di musica, la nostra musica, cosa per me, in piccolissima parte ovviamente, è Patria: