25 agosto 2011

Sui giovani d’oggi ci ( mi ) Scatarro su...



Non c’è niente di peggio di un’oziosa mattinata dall’aria surriscaldata.
E le cose possono anche peggiorare se non riesci a trovare nei supermercati semideserti gli ingredienti per la cenetta che avevi in mente di cucinare.
Questo può davvero farti venire il sangue amaro.
Roba da rovinarti la giornata di ferie.
Per tentare di consolarti un po’ vai a comprare il Quotidiano e scopri la quarta o quinta puntata della telenovela “Di Consoli contro il resto del mondo”.
Urticante, la famosa intervista. 
Se vi va è sul sito del “Quotidiano”.
Condivido gran parte dei suoi ragionamenti, non tutti ( che so, ci andrei cauto a sparare così su Don Marcello e l’idea della rivoluzione dei vecchi è una specie di sfottò ai giovani per il ciclo: la rivoluzione la farete da vecchi ) . 
Purtroppo, la posizione di privilegio da cui sono illustrati li rende antipatici ma non meno veri.
Oggi, infatti, proprio sul Quotidiano c’era una risposta in tal senso: irricevibili certi pensieri da posizioni di comodo.
Certo, è senz’altro poco ‘elegante’ accusare di codardia i soldati in trincea da una bella scrivania a 500 km dal fronte, soprattutto se per motivi ‘generazionali’ ( e qui non mi riferisco al solo Di Consoli ) si fa parte di quella classe dirigente che ci ha portato al disastro e poi si diletta anche nel farci la predica.
Ma i fatti sono tali da far sembrare più alibi che contestazioni ragionate le risposte da me fin qui lette al Di Consoli.
Parliamo un po’, quindi, dei giovani, almeno finchè sono in tempo.
La categoria dei giovani non è assimilabile, che so, a  quella dei politici. Certo, ci sono politici seri, capaci, corrotti, impresentabili e combinazioni varie delle precedenti ed altre ancora. Tutti, però, sono politici responsabili dello stato delle cose.
I ‘giovani’ no.
E’ facile e comodo inventarsi categorie:
Ci sono i tronisti e le veline che affollano i locali rigorosamente in orari notturni decisamente non compatibili con una sana produttività personale.
Ci sono le masse di esclusi da un percorso di crescita culturale causa distruzione del sistema scolastico e pertanto drogati di calcio e telesesso oltre che delle classiche sostanze.
Ci sono i coraggiosi emigrati... 
… E gli infingardi stanziali affamati di prebende politiche.
Ci sono i giovani ‘volontari’ che passano magari più tempo a disprezzare il prossimo che a Servire.
Ci sono i giovani genitori del cui coraggio ho maturato una sana invidia.
E i giovani impegnati in politica, forzatamente ed obbligatoriamente pupi di vecchi pupari.
Oppure quelli che si illudono di far politica nuova e pura spargendo veleno sul web dopo esser caduti nella mortale malattia della propugnazione di soluzioni semplici per mondi e problemi complessi.
E, peggio, incapaci di affrontare anche solo intellettualmente il concetto di diversità, come tanti bravi e perfetti leghisti.
Per tacer dei giovani pronti a tutto contro il sistema, purchè non debba saltare il cineclub o la palestra o di quelli che vogliono le riforme per miracolo, senza passare dai meccanismi democratici ( Chi, io, quel partito lì, che schifo, ci vorrebbe che... eccetera ).
Ognuno dei lettori può posizionare se stesso e il sottoscritto nella categoria che più gli piace.
Ma è un gioco sterile.
Sterile come queste polemiche giornalistiche.
Ma non lo avete ancora capito che qui si deve solo lavorare?
E lavorare per lavorare?
Si deve perseguire la banale legalità spicciola e poi ancora lavorare?
Che si deve ricostruire un banale tessuto sociale fisicamente fatto da persone che si stimano e sostengono attorno ad un tavolo e non attorno alla bacheca di un social network?
Restiamo ai fatti, perchè alle menzogne che credono di essere verità dovremmo essere diventati allergici, ormai.
Quindi, teniamo contento il partito dei ‘vecchi rivoluzionari’ ed intoniamo insieme:








calzino bianco va commuove l'onestà
trovato tecnologico votato martire
cambia la permanente in dreadlocks
che ti cambia il cuore giocati l'anfibietto in tinta
ti fa far l'amore

ridai i soldi al tuo papà
ridai i soldi al tuo papà
sui giovani d'oggi ci scatarro su
sui giovani d'oggi ci scatarro
sui giovani d'oggi ci scatarro su
sui giovani d'oggi ci scatarro

come pararsi il culo e la coscienza è un vero sballo
sabato in barca a vela lunedì al leonkavallo

l'alternativo è il tuo papà
l'alternativo è il tuo papà
sui giovani d'oggi ci scatarro su
sui giovani d'oggi ci scatarro
sui giovani d'oggi ci scatarro su
sui giovani d'oggi ci scatarro

come pararsi il culo e la coscienza è un vero sballo
sabato in barca a vela lunedì al leonkavallo

l'alternativo è il tuo papà
l'alternativo è il tuo papà
sui giovani d'oggi ci scatarro su
sui giovani d'oggi ci scatarro
sui giovani d'oggi ci scatarro su
sui giovani d'oggi ci scatarro