6 luglio 2012

La Dancalia al CSOA Le Fucine dell'E.C.O.

Un vulcano nella notte.
Una distesa di sale multicolore.
Occhi di uomini e cammelli nel sole accecante.
In una stanza recuperata all'abbandono ed al degrado voluto scientemente da chi ha sfrattato, a suo tempo, il Teatro dei Sassi.
Una stanza che diventa Dancalia per una magica ora nelle parone di Andrea Semplici.
Questa sera siamo stati in Dancalia, una regione tra Eritrea ed Etiopia, isolata ed abitata da un popolo fiero, gli Afar.
Un popolo capace di azioni antieconomiche, secondo lo standard occidentale, ma profondamente umane: i cammellieri, imprenditori, potrebbero portare con se gli otri per l'acqua ma preferiscono noleggiarli dalle donne di un villaggio alla fine del percoso: non c'è vantaggio nel risaprmiare pochi spiccioli affamando duecento donne: proprio la Dottrina Marchionne, neh?
Seguire Andrea fino in Dancalia è facile, nella stanza dell'Eco.
Le fotografie quasi distraggono dal filo delle sue parole, ma subito la musica riequilibra il filo dei pensieri.
Ancora una serata magica, frutto concreto degli sforzi di tanti.
Un ringraziamento particolare al CSOA Le Fucine dell'E.C.O. che ha concretamente dimostrato l'importanza pratica e fisica del recupero di quegli spazi forse legittimamente sottratti dall'autorità al Teatro dei Sassi ma senz'altro, poi, malamente gestiti dalla medesima autorità.
Ciò che è giusto non sempre è legale, ciò che è legale non sempre è giusto.
Od utile.