10 luglio 2013

il No agli F-35 spiegato ad una bimba, perchè cresca laica di pensiero, parole e azioni.

Il dibattito su questi maledetti aerei si fa sempre più infuocato.
Dibattito è un termine oggettivamente improprio, infatti non ho letto da nessuna parte una discussione laica sull'argomento.
Immagino che esistano anche dei gruppi facebook di 'pro F-35', mentre sono stato coinvolto in maniera piuttosto fastidiosa dagli 'anti F-35' soprattutto per i continui messaggi mandati a pioggia a tutti i contatti...
Magari ci si mobilitasse uguale per i centomila morti siriani...


 F-35

La mia posizione, più volte ribadita su questo blog, in Francia o in Germania, anzi, probabilmente all'estero e basta, sarebbe annoverabile tra gli 'anti F-35'.
Infatti io non credo che sia (stato?) il caso di partecipare al programma.
Purtroppo ho commesso la gravissima colpa di essere contrario agli F-35 per motivi tecnici, economici, politici e finanziari ma non ideologici.
Colpa definitiva, come già sapete, in Italia.
Se fate una ricerca con chiave F-35 su questo blog scoprirete che la mia prima opposizione pubblica agli F-35 risale al 2010, ben prima che il 90% degli italiani ne avessero mai sentito il nome.
Tuttavia, ultimamente, ho avuto la netta impressione di aver fatto per anni  propaganda pro F-35 e non contro, a giudicare dalla qualità dei commenti ricevuti.
La posizione ortodossa per non essere annoverato tra gente assetata di sangue e rubamerendine ai bambini è "No agli F-35 senza se e senza ma" e guai ad aggiungerlo, questo ma.
Io, però, ce lo metto.
E vaffanculo alla maggioranza.
Inserirò numerosi link a wikipedia, così da lasciar modo ai lettori di informarsi direttamente alle fonti.
Iniziamo coi motivi tecnici che mi fanno opporre al programma e spero di riuscire in maniera semplice, seppure un po' prolissa, a spiegare le mie ragioni distinguendo tra fatti ed opinioni.
Abbiate, quindi, pazienza.
Per prima cosa sappiate che esistono moltissimi tipi di aerei da guerra.
In Italia, purtroppo, la stampa nazionale è abituata a spararle grosse anche nel campo della difesa, quindi il pubblico è costantemente traviato ed è stato portato a credere che esista un solo aereo militare: il bombardiere nucleare.
Ricordo ancora quando si dovettero noleggiare gli F-16ADF e i Tornado ADV per rimpiazzare i vetusti F-104. Pur essendo privi di praticamente qualunque capacità offensiva aria suolo e dedicati esclusivamente alla difesa aerea, la triade dei quotidiani nazionali Lastampa Larepubblica ed Ilcorrieredellasera li dipinse invariabilmente come bombardieri atomici.
Ritengo, quindi, che un 'cappelletto' tecnico su cosa siano e cosa facciano gli aerei da guerra nel XXI secolo abbia la sua utilità.
Siccome la teoria è noiosa, per tener alto il livello di attenzione del lettore, mi invento qui su due piedi una storiella di fantapolitica.
E, visto che gli sto proprio antipatico, facciamo che voglio arruffianarmi un po' qualche militante di 5 Stelle e vedete un po' cosa propongo.
Facciamo finta che, stufi dell'ingerenza del mondo teutonico nei limpidi affari del bel paese, avendo, un certo movimento, ottenuto il famoso 100%, l'Italia dichiari guerra alla Germania e all'Austria.
Non me ne vogliano i lettori, è l'esempio più assurdo possibile ma mi serve per illustrare a cosa servono 'sti benedetti aerei da guerra se mai dovessero servire, quindi ridiamoci su.
E parliamo di aerei.
Per prima cosa ci sono i caccia.
Quelli di Top Gun, per intenderci.
Aerei ad alte prestazioni, veloci, con discreta autonomia, i migliori sensori, potenti missili aria aria, dedicati a distruggere gli aerei nemici. Sulla carta vanno distinti tra caccia da superiorità aerea, destinati ad avere la meglio sui caccia avversari, ed intercettori, destinati ad abbattere bombardieri e cacciabombardieri avversari, ma non entriamo troppo nel dettaglio
Esempi 'classici' sono gli F-14 di Top Gun, gli F-15, il Tornado ADV,  il supercaccia stealth F-22 ed i corrispettivi Russi Mig-29, Mig-31, Su-27, Su-30 e Su-35. Non dimentichiamoci l'Eurofighter Typhoon.
In genere, questi aerei nascono per il ruolo aria - aria e solo in seguito, quando iniziano a non essere più i 'primi della classe', li si modifica per ruoli aria - superficie sostituendo i missili con le bombe.
Torniamo al nostro esempio.
I Tornado ADV (intercettori) pattuglierebbero i cieli della Pianura Padana impedendo ai tedeschi di bombardare le nostre città, contemporaneamente i nostri Typhoon (caccia da superiorità aerea) si spingerebbero a nord delle Alpi per scortare i nostri aerei d'attacco e distruggere i caccia tedeschi in volo.

Typhoon

Poi, ci sono i Bombardieri, destinati a portare la morte nel cuore della nazione nemica.
Il famigerato B-52, quello sì nato come bombardiere nucleare, è l'esempio di superfortezza dei cieli, capace di volare per mezzo mondo col suo carico di testate atomiche.
Ma ci sono anche il supersonico B1 ed i B2 stealth.
In Occidente l'uso di Bombardieri è, oggi, esclusivo appannaggio dell'USAF.
Non esistono aviazioni europee che ne siano equipaggiate.

B1

Diverso il discorso per i bombardieri di origine russa.
Tupolev 16, Tu-22, Tu-22M backfireTU-160, TU-95, TU-142, sono tutte sigle di bombardieri costruiti dagli anni '50 in poi che l'URSS ha largamente esportato. Quindi può capitare di imbattersi anche in aviazioni  Africane dotate di vecchi bombardieri medi armati con missili a lungo raggio.
A parte l'uso nucleare, questi aerei sono stati estensivamente usati in molti dei recenti conflitti perchè possono portare un devastante carico di bombe convenzionali.
Dall'Afghanistan al Golfo, (ma anche nel Ciad da parte libica) questi aerei hanno disseminato centinaia di tonnellate di bombe in pochi minuti durante una singola incursione, superando l'intensità dei bombardamenti sulla Germania della Seconda Guerra Mondiale.
Nel caso della nostra simulazione, l'Italia, potrebbe essersi fatta prestare un po' di Tupolev 22 Blinder dalla Libia e li potrebbe usare per attaccare obiettivi industriali nella Germania Settentrionale con missili supersonici a lungo raggio di fabbricazione sovietica.


TU-22 armato con missile da crociera supersonico

Molto più piccoli e molto più diffusi, sono i velivoli da strike. 
In italiano sono inclusi, con traduzione  impropria, tra i cacciabombardieri.
Questi aerei, come l'Europeo Tornado IDS, l'americano F15E ed i russi SU-24 e SU-34, (tutti bimotore e biposto) sono destinati ad attaccare ponti, centrali elettriche, aeroporti, sistemi di comunicazione, concentramenti di truppe per paralizzare il nemico.
Nel nostro piccolo wargame i nostri Tornado attaccherebbero le difese aeree, gli aeroporti e le colonne di Panzer Tedeschi subito a nord delle Alpi per scompaginare le forze armate della Bundesbank ehm, della Germania.

Tornado

Questi aerei opererebbero, per esempio, in coppia e quasi sempre di notte, volando a bassa quota, individuando gli obiettivi grazie ai loro sofisticati sensori ed attaccandoli con munizioni di precisione sganciabili al di fuori della portata di gran parte delle difese.
Nota: mi rifiuto di usare il termine "bomba intelligente", è un insulto all'umanità.
Il caso classico è la distruzione di un ponte con un'unica bomba a guida laser o il lancio di missili aria superficie contro un aeroporto da una cinquantina di km di distanza.
La prossima categoria è quella dei cacciabombardieri propriamente detti, la più comune classe di velivoli militari.
Si tratta di aerei generalmente monoposto e monomotore.
Sono la spina dorsale di ogni aviazione e si adattano a fare un po' di tutto: i caccia, gli intercettori, i velivoli da strike ed il supporto aereo ravvvicinato.
Occhio all'ultimo ruolo, ci torneremo.
Il Cacciabombardiere occidentale per antonomasia è l'F-16 venduto in migliaia di esemplari a mezzo mondo. Ma è una categoria davvero immensa come quantità e qualità, citiamo il Gripen  svedese, il Rafale francese, una pletora di modelli di Mig e caccia Sukhoi. Aggiungiamo, perchè ci serve nel nostro esempio applicativo, l'italo brasiliano AMX.

AMX, notare il numero di bombe

E, giunto alla fin della tenzone,  il famigerato F-35.
Descriviamola un po', questa brutta bestia.
E' un cacciabombardiere stealth monomotore e monoposto. Stealth significa che è quasi invisibile ai radar, caratteristica ottenuta modellando la fusoliera in un certo modo ed usando materiali speciali.  Questo, però, non vuol dire che l'aereo è invulnerabile.
Solo che, invece di essere rilevato dal radar nemico a 100 Km verrà rilevato a 5 Km di distanza.
Per ottenere questo risultato, inoltre, l'aereo stealth non può trasportare le armi o serbatoi ausiliari di carburante sotto le ali, ma deve tenerle in una stiva bombe interna.
Su un B2 la stiva bombe interna può anche essere grande, ma sul piccolo F-35 le due stive bombe interne possono contenere due bombe e due missili aria aria per autodifesa.

F-35, notare il numero di bombe dipinte di rosso nelle due stive bombe

Certo, l'F-35 può portare armi e serbatoi anche sui tradizionali piloni alari rinunciando alla famosa invisibilità stealth.
Un po' pochino, comunque, questo carico bellico, diciamo la metà scarsa del carico bellico di un cacciabombardiere non stealth.
Gli americani hanno la fissa con lo stealth.
Il guaio è che sì, questi aerei sono invisibili ai radar, quindi meno vulnerabili ai missili aria aria e soprattutto superficie aria, ma sono anche terribilmente costosi e di difficile manutenibilità, per non parlare del problema di ripararli quando danneggiati, roba da incubo, dato che sono fatti in compositi speciali.
Per fortuna, russi e cinesi stanno rincorrendo l'USAF esi stanno incamminando anche loro sulla folle strada di aerei invisibili ai radar, costosissimi, delicati e con prestazioni ben inferiori ai predecessori.
Tanto, poi, quando si arriva ai fatti, aevoglia ad essere invisibile ai radar, caro supercaccia F-22, dovrai accenderlo tu il tuo radar per agganciare il missile (e sarai individuato), dovrai aprire la stiva bombe (e sarai individuato) oppure, banalmente, ti troverai di fronte un a mezza dozzina di visibilissimi ai radar  vecchi caccia in pieno giorno che ti sommergeranno col numero, dato che tu costi 100 e loro 5.

F-22 Raptor con le 3 stive missili aperte

Ah, la logorrea.
Torniamo al nostro F-35.
Ha un raggio d'azione di 1000Km (dichiarato dal produttore, quindi sarei cautelativo) ed una velocità massima di mach 1,6 niente di eccezionale ma questo è il suo difetto meno grave.
Infatti, nel ruolo aria superficie, questo non è molto importante, lo è solo in quello aria aria e non è il compito primario dell'F-35.
Il guaio di questo aereo non è nel fatto che è ancora pieno di difetti tecnici, quelli si superano col tempo (e il denaro). No, il guaio di questo aereo è il costo unitario, un guaio da cui discendono tutti gli altri.
200 milioni di dollari.
Una enormità, direte voi.
Peggio, rispondo io: una assurdità: l'F-22, il supercaccia USAF che ha capacità belliche e prestazioni di gran lunga superiori all' F-35 (e pur essendo molto più grosso dell'F-35 è anche più stealth dell'F-35 che paga il prezzo di troppi compromessi al ribasso) sapete quanto è costato all'USAF?
150 milioni a pezzo.
E gli americani l'hanno giudicato troppo, tanto che ne hanno comprato solo una parte di quelli previsti.
Ma su questi conti ci torniamo dopo.
Ricapitolando, abbiamo un cacciabombardiere che porta una parte del carico bellico dell'AMX ed una frazione di quello del Tornado, ha il raggio d'azione paragonabile a quello dell'AMX ma di gran lunga inferiore a quello del Tornado che dovrebbe sostituire.
Torniamo alla nostra simulazione e chiediamoci:
cosa farebbero i nostri caccia bombardieri AMX nella nostra campagna di ripristino delle libertà monetarie del Belpaese?
Si occuperebbero del lavoro sporco.
Quello più pericoloso: il supporto aereo ravvicinato.
L'avete visto in azione in decine di film americani, da Gunny a Platoon, da Apocalypse now a Salvate il soldato Ryan.
Sul più bello (brutto), quando i nostri sono ad un passo dall'essere sopraffatti, spuntano i falchi stelle e strisce e fanno a pezzi i cattivi di turno a due passi dai nostri eroi.
Facile, no?
I nostri bersaglieri si trovano di fronte una collina tenuta da fanatici dell'eurozona?
Arrivano gli AMX e la annaffiano di napalm.
Gli alfieri corazzati della cancelliera sui loro panzer leopard2 ci stanno circondando su un fianco?
Ecco la nobile vedetta lombarda guidare l'apposito attacco aereo controcarro.
Lasciate perdere le suggestive scene di battaglia dei film e inziamo a pensare un po' seriamente a cosa stiamo descrivendo.
Il nostro pilota di AMX sta volando di giorno ma non troppo veloce, se no non riesce né a vedere né tanto meno a mirare ai bersagli, che sono trincee, case trasformate in casamatte, singoli carri armati o veicoli.
E non è che sita volando dritto ed alto, così avrebbe un' ottima visuale e tutto il tempo di scegliere gli obiettivi, mirare e sparare, ma ci tiene alla pelle: perché gli obiettivi sparano a loro volta.
Al nostro pilota su AMX stanno sparando contro con mitragliatrici, missili contraerei, cannoncini, fucili e pistole.
Quindi vola basso e quasi sempre deve sorvolare l'obiettivo per colpirlo.
Certo, ci sono armi stand off e munizioni di precisione, ma sono utili per lo più contro bersagli fissi o contro i carri armati, per il resto si fa alla vecchia maniera.
Andando relativamente 'lenti' sul campo di battaglia e operando di giorno.
Con gravi rischi per velivolo e pilota.
Tanto gravi che sia USA che URSS (ma anche noi col nostro AMX) per questo genere di missioni hanno sviluppato degli aerei fatti a posta (A-10, SU-25), praticamente corazzati per resistere al fuoco dei fucili e delle mitragliatrici, relativamente lenti (perché sfrecciare a Mach 1.2 per mirare ad una trincea è poco pratico), capaci di volare anche con delle parti di aereo strappate via dalle esplosioni e di portare un pesante carico di razzi e bombe.
Quando l'USAF ha provato ad usare il supersonico F-16 per rimpiazzare l'A-10 nel ruolo del supporto aereo ravvicinato (detto Close Air Support, ossia CAS) i risultati sono stati talmente scadenti che il tentativo è stato annullato.
Ora, a questo punto, qualche lettore potrebbe iniziare a capire dove sto andando a parare.
Facciamo finta di averli comprati 'sti F-35 e torniamo sui nostri passi.
Potrebbe, l'F-35, sostituire il Tornado nelle sue missioni in profondità nella Germania centrale?
No. Non ne ha l'autonomia.
E nemmeno l'armamento.
E nemmeno la relativa sicurezza di andare in missione così lontano da casa contando su due motori invece che su uno.
Quindi, quando ho letto che la nostra aviazione voleva comprare gli F-35 per sostituire i Tornado sono rimasto di stucco: vogliono sostituire un Furgone Ford Transit con un Sidecar.
L'F-35 non è progettato per fare da velivolo da Strike per un'aeronautica come quella Italiana.
Punto.
Potrebbe, l'F-35, sostituire l'AMX nel suo ruolo di aereo di attacco per il supporto ravvicinato ai nostri bravi bersaglieri?
Ne ha l'autonomia ed è anche più veloce, caratteristica che abbiamo visto essere inutile per quel ruolo.
Ma di inutile ha ben altro.
Immaginatevi la scena.
Il nostro sofisticato, invisibile ai radar, caccia, si avventa con due sole bombe due, in pieno giorno, in piena vista, a 700 Km all'ora contro la nostra collina tenuta dagli eurosoldaten.
Tutti i compromessi fatti per rendere l'aereo stealth diventano inutili difetti.
In piena vista l'F-35 è preso di mira da missili a guida infrarossa, mitragliatrici, fucili, pistole e, dato che è vicinissimo ai radar della difesa aerea della teutonica collina, pure dalla contraerea guidata dal radar. Esattamente come il non stealth AMX.
Il nostro bravo e coraggioso pilota sgancia le sue bombe e finisce d'un colpo solo le munizioni, mentre un AMX avrebbe avuto modo di portare altri attacchi.

 A-10 in missione di Close Air Support

Una volta tornato (si spera) alla base si scopre che qualche proiettile di contraerea è andato a segno.
L'AMX può essere facilmente riparato col fil di ferro, la fusoliera in composito dell'F-35, no.
In ogni caso abbiamo usato un aereo da 200 milioni per fare meno lavoro di uno  che ne costa un decimo. In pratica, un solo F-35 costa quanto un intero gruppo di AMX e porta meno bombe.
Quindi, quando ho letto che la nostra aviazione voleva comprare gli F-35 per sostituire gli AMX sono rimasto di stucco: vogliono sostituire un trapano normale con un trapano da dentista... con tutta la  poltrona da dentista attaccata.
Sfortunatamente, non ho ancora finito.
Dunque, le ragioni tecniche le abbiamo sviscerate, ce ne sono altre ma non voglio esagerare, vi lascio qualche pulce nell'orecchio: chi prevarrebbe in un duello tra l'F-35 ed un SU-30?
Ok, andiamo avanti.
I motivi economici.
Devo entrare nel dettaglio?
Costa troppo.
Costa uno sproposito.
Il fatto che gli USA stiano per comprare un migliaio di questi cosi che costano il 25% di più del più avanzato caccia al mondo (l'F-22) la dice lunga sul potere delle lobby americane: l'azienda che produce F-22 ed F-35 (che è una versione ridotta dell'F-22) è la stessa: Lockeed Martin.
Quando la commessa F-22 è stata tagliata ... Si sa: se tagli di qua poi devi ridare di là: per gli USA sarebbe più economico produrre altri F-22 che proseguire con gli F-35. Costerebbero di meno e potrebbero svolgere ruoli di caccia e strike senza compromessi.

F-22 che supera il muro del suono senza postbruciatori

Mistero, eh?
Queste lobby, fanno miracoli: spendere il 25% in più per avere il 70% in meno ...
L'F-35 costa troppo e non solo per quello che vale, ma per quello che dovrebbe fare.
Veniamo ai motivi politici.
Ad oggi, la nostra aeronautica militare è equipaggiata, per i compiti di prima linea, di Eurofighter Typhoon, Panavia Tornado IDS e AMX, progettati e costruiti in Europa i primi due, con il Brasile il terzo.
Sono velivoli anche di produzione nazionale, pensati e progettati con i nostri cugini europei.
Il Tornado l'abbiamo fatto con tedeschi ed inglesi, il Typhoon con l'aggiunta degli spagnoli, insomma, sono macchine europee per una difesa europea.
Costano anche loro care, ma significano anche know how industriale, occupazione e ricerca.
Significano indipendenza.
Invece, comprare 'sto coso dagli USA è un bel regalo dei nostri soldi che se ne vanno tutti oltreoceano senza adeguate compensazioni industriali e senza acquisizione di know how degno di questo nome.
Le ricardute occupazionali della cancellazione del programma ci saranno, ma, francamente, il gioco non vale la candela.
Sarebbe molto meglio continuare come abbiamo fatto fino ad ora, ossia costruire i nostri aerei assieme ai nostri vicini.
E' il primo passo della cooperazione militare e ne abbiamo già fatti tre nella giusta direzione della difesa comune europea (che è ben altro che la NATO).
Perchè fare questo passo falso e pure nella direzione opposta?
Piccola postilla dato che siamo in tema di datagate.
L'F-35 è un velivolo le cui sofisticate funzioni sono controllate da un sistema di computers ...
su cui gira un software proprietario...
Di cui non solo l'Italia non potrà mai controllare i sorgenti (la mia fissa sull'open source, direte voi), ma ciò implica la non remota (anzi, la quasi certa) possibilità che l'aereo possa essere in parte o completamente controllato dagli USA che potrebbero semplicemente 'spegnerlo' se usato in contesti non graditi al governo americano.
Fantascienza?
Sì, come no. Voi vi fidereste?
Coraggio, siamo quasi alla fine: le considerazioni finanziarie.
Si dice che il programma ci costerebbe almeno 13,5 Miliardi di €.
Qui gli amichetti del "Senza se e senza Ma" probabilmente hanno preso una cantonata, infatti vanno spammando, ehm, spargendo in giro la 'furoviante' informazione secondo cui 'sti soldi li si deve sganciare tutti domattina.
Non è così, sono spalmati in 24 anni ma restano un'enormità e la stima dei 13,5 Miliardi è probabilmente al ribasso. Parliamo, probabilmente, di 1,5 forse 2 Miliardi all'anno per i primi anni, con tante incognite per quelli successivi.
Ma anche se fossero solo 50 Milioni l'anno, gettarli via in un aereo semplicemente inadatto a sostituire Tornado ed AMX è peggio di uno spreco, perchè implica anche pesanti ricadute negative sulle nostre relazioni con le altre nazioni dell'UE, ritarda l'integrazione europea a livello della difesa ed impoverisce il nostro background industriale e tecnico.
Non so esattamente cosa succederebbe se, per un benaugurato miracolo, il programma fosse cancellato.
Ho dei dubbi che si risparmierebbe poi tantissimi, ma sicuramente qualcosa si risparmierebbe.
Mi piacerebbe che gli eventuali risparmi fossero, almeno per un paio di anni, dedicati alla detassazione delle attività produttive o alla 'nazionalizzazione' e potenziamento del servizio antincendio.
Poi, si potrebbero usare per incaricare industrie aeronautiche nazionali/europee per aggiornare la flotta esistente di Tornado ed AMX e magari comprare qualche Typhoon in più.
Certo, resta il problema delle nostre portaerei, dato che l'ammiraglia è stata costruita per ospitare gli F-35, ma questa è un'altra storia.
Tremo all'idea che gli eventuali risparmi finiscano nel foraggiare altra pubblica burocrazia parassita, ma siamo in Italia dove le cose meno utili e più dannose sono anche le più probabili.
Da quanto ho scritto credo che sia evidente che non ho nessuna simpatia per gli F-35 mentre ne ho molta per la Germania, in cui il costo della vita è molto più basso di quello italiano mentre occupazione, produttività industriale salari, servizi e diritti, beh, non sono nemmeno da raffrontarsi.
Qualche anno fa, perso nella noia di un pomeriggio di convalescenza, ho scoperto che la Svezia, pacifica, civile e circondata da popoli pacifici, è, relativamente all'Italia, molto, molto più armata.
Quindi, qualche giorno fa, mi sono informato sulle forze aeree dei paesi del Nord Africa e della Siria.
Sapevo che i paesi arabi sono pesantemente armati e militarizzati e conoscevo già la potenza delle forze aeree Egiziane e Siriane.
Non avevo idea, invece, della modernità e della potenza dell'Aviazione Algerina.
Mig 29, supercaccia SU-30, velivoli da Strike SU-24.

SU-30 Algerino

Ho postato le foto di questi aerei, senza commenti, ma sono stato accusato di voler coprire le porcate del PD, come se stessi in qualche modo suggerendo la necessità di comprare gli F-35 dopo aver scritto ovunque (e questa è solo l'ultima mia pubblica dichiarazione di contrarietà) che sono contrario.
Un esempio a caso: l'esistenza di un'aviazione Algerina moderna e ben armata è un dato di fatto e non implica la necessità di una corsa agli armamenti automatica ma smentisce la pacificità del Mediterraneo data per scontata dagli anti-F35 ideologici. Tutto qua.
L'assenza della cognizione della collocazione anche semplicemente geografica, per non dire geopolitica, del Paese in cui si vive, mi sembra, per un'eccessiva percentuale della popolazione, un altro dato di fatto.
L'Italia ha bisogno di un sistema difensivo molto più della Svezia.
Quindi bisogna pensarci.
Non vado oltre, resto a questa affermazione.
Bisogna pensarci, coi numeri alla mano, non con le ideologie.
L'obiettivo è semplice: nessun SU-30 o F-16 straniero deve poter far danni al Bel Paese e ci sono molti modi per impedirlo.
L'F-35 non è uno di questi.
Ma nemmeno "senza se e senza ma".


Se siete arrivati fin qua potreste anche apprezzare questi miei vecchi post a tema:

http://invernoerosa.blogspot.it/2010/12/la-svezia-sta-allitalia-come-likea-sta.html

http://invernoerosa.blogspot.it/2013/06/la-difesa-aerea-delleuropa-sogno-di-una.html