14 giugno 2015

L' #agescidalpapa ed io: breve punto della strada

L'autobus viaggia veloce verso Nord nella campagna toscana colorata dall'estate imminente.
Il Villanova 1 dorme stremato dalla fatica di questa lunga giornata.

Accanto a me capi, Rover Scolte ed esploratori rannicchiati sui sedili.

Non ho sonno.
Ho voglia di gridare.
Ho voglia di correre.
Come già intuivo prima di partire, non sono andato ad un evento mediatico.
Ad uno spettacolo.
L'incontro con Papa Francesco, per me, è stato ben poco didascalico e molto, molto pratico.
Mentre il Papa ci ricordava le scelte della Carta del Coraggio o la nostra importanza all'interno della Chiesa cattolica italiana, per me gran parte della gioia era arrivata già negli incontri avuti sulla Strada in questa memorabile giornata.
Abbracci fin quasi alle lacrime con chi ha condiviso la mia Strada dalla Promessa alla Partenza e durante il mio Servizio di Capo.
La certezza nel cuore di non essere li per sola apparenza, ma per un incontro in Cristo che non si limita alla    predica settimanale ma è quotidianità di ogni giorno per tante tante persone, al proprio meglio, dai ragazzi a scuola agli adulti nel mondo del lavoro, nella Società Civile e nella Politica.
Non siamo tanti, forse poco più di duecentomila scout attivi di tutte le associazioni in Italia.
Eppure, la nostra e' una presenza attiva nel Paese non proporziona al numero.
Ci siamo e Papa Francesco non ci ha sgridato per le polemiche sulla carta del coraggio ma ci ha incitato a far meglio, sempre meglio: andate avanti così ed impegnatevi a diventare costruttori di ponti in una società che è abituata ad innalzare muri.
Ma io ascoltavo quelle parole rapito dalla gioia di aver incontrato le persone a me più care con cui la fratellanza scout si è cementata durante i miei anni da Esploratore, Rover e Capo.
Ancora mi vengono i brividi per il sollievo della certezza di una Vita comune a tutte queste Persone che esce dal limbo dell'utopia per manifestarsi nel dolore e nella fatica, ma anche nella gioia e nell'Amore di ogni giorno.
"Angelo" Gridato da Antonella, mia Guida nel Rearto Sagittario Matera 1, ora nel Pozzuoli 2.
E solo un gesto che possa tradurre tutte le emozioni e la logica ferrea dell'accaduto: un abbraccio.
Un abbraccio per l'Amore, un abbraccio per la Forza del Servizio, un abbraccio per la fratellanza mai spezzata dopo tutti questi anni ed eventi.
E, poi, ancora "Angelo" Urlato da Sivia, con cui abbiamo fatto tanta Strada assieme nel Can Orione del Matera 1 da Rover e Scolta e che ritrovo Donna della Partenza, Madre, Capogruppo, Moglie, Capo Fuoco, in ordine sparso, del Genova 15.
E l'incontro con la mia vecchia Comunità Capi da cui solo lo squallido livore della Classe Dirigente Lucana mi ha potuto strappare.
Incontrare i ragazzi di un tempo ora Uomini e Donne della Partenza in Servizio, splendidi assieme ai loro Capi di un tempo, ora stessi pilastri di una Comunità che non si arrende davanti alle difficoltà di una Città devastata dalla lotta per bande che passa per Politica e da una crisi economica che dura da lustri.
Vederli lì sotto il mio stesso cielo
Ma ad ogni male c'è il suo rimedio e quello che mi è stato tolto mi è stato ridato con gli interessi nel mio Villanova1.
E tutti questi pensieri, tutte queste emozioni, questo ragionare nei pochi minuti in cui Papa Francesco ci ha parlato.
Dovrei concludere qui, sull'onda dell'entusiasmo per una giornata splendida, per una prova fisica di Verità del nostro Servizio.
Ma basta autoincensarsi.
I problemi ci sono, eccome.
Una signora che mi acchiappa uscendo dal bagno del ristorante (ebbene sì, anche i capi agesci apprezzano l'amatriciana) e che mi sollecita a difendere "Lafamigliacheèunasola!"
Un esploratore che interroga i suoi capi sull'Aborto e a cui si devono dare risposte adeguate, adeguate alla sua età, semplici ma non semplicistiche, che gli consentano di interrogarsi e di agire senza, tuttavia, aumentare la sua confusione.
Siamo chiamati ad un duro lavoro per costruire ponti tra l'inconciliabile.
Il traguardo è lontano e non siamo i primi in gara.
Ma siamo in gara, uniti da Matera a Pozzuoli, da Bologna a Genova.