7 ottobre 2015

Pensavo fosse un Tornado (sull'ISIS) invece era un peto


un bombardiere russo Tu-160 BlackJack

Pare che il Bel Paese abbia deciso, alla fne, di andare alla guerra contro ISIS.
All'italiana, of course.
Beh, per la precisione, in questo caso, direi proprio all'Europea.
Si starebbe progettando di far bombardare l'ISIS da un pugno di Tornado di base in Kuwait, attualmente impiegati per la ricognizione.
Facciamo un breve ripasso.
Il Libia la situazione non migliora.
In Egitto è in deterioramento, viste le scarse capcacità dimostrate  dall'esercito di controllare le varie tipologia di terroristi in azione.
La Siria è un buco nero a forma di incognita, con l'intervento russo che ormai spazia dai bombardieri tattici ai missili da crociera e, a breve, gli elicotteri d'attacco.
Tutti questi mezzi sono impegnati contro tutti gli oppositori di Assad, eccetto, al momento i Kurdi.
Poi l'Iraq, invaso dall'ISIS. 
E, oltre, l'Iran, che minaccia di distruggere Israele appena messa assieme la Bomba un giorno sì e l'altro pure (parentesi: i negoziatori americani hanno affermato che la scelta era tra accettare questo accordo o la guerra. Un involontario omaggio all'aforisma di Churchill: potevate scegliere tra il disonore e la guerra, avete scelto il disonore e avete avuto la guerra).
E, per chiudere il cerchio, l'Afghanistan, in cui i Taliban dimostrano sul terreno di essere lontanissimi dalla sconfitta mentre l'esercito nazionale non sa fare di meglio che chiedere airstrikes su un ospedale.
Fine del ripasso.
In mezzo a tutto questo, l'Italia sta riflettendo se usare, diciamo due Tornado, per attaccare l'ISIS.
Ammazza che paura tengono ora a Mosul.
E che coraggio gli italiani!
I resistenti Kurdi si sentiranno rassicurati di avere l'Italia dalla loro parte.
Sarcasmo a parte, l'uso di un paio di bombardieri non avrà alcun impatto militare e, francamente, nemmeno politico.
In più, ci accolleremmo il rischio di ammazzare un sacco di gente innocente magari come a Kunduz.
Eppure, come la crisi dei migranti in corso dimostra inequivocabilmente, sarebbe nostro interesse poter agire in Medio Oriente e Nord Africa in modo conforme ai nostri interessi nazionali, che, guarda un po', coincidono anche con la salvezza di tutta quella gente che ora vive tra Assad, ISIS e Putin (per tacere per la Mattanza Libica, piccola Siria nella quarta sponda).
Putin oggi ha usato addirittura dei missili da crociera che hanno violato gli spazi aerei Iraniani, Iraqeni e, forse, anche Turchi, assumendosi un grave rischio in caso di caduta accidentale dei missili in questi paesi.
E, in questo scenario, noi Italia, ma anche noi Europa. non facciamo nulla.
Solo i Kurdi di Siria combattono a viso aperto l'ISIS.
E a loro va tutta la mia spicciola solidarietà.
Se volessimo contrastare ISIS dovremmo aiutare i Kurdi per come possiamo, come direbbero i romani: terra marique.
Invece, inizieremo il solito nauseabondo dibattito sul niente.
Per adeguarci al nostro spessore morale.



un Tornado equipaggiato per la ricognizione