12 aprile 2016

Storia dell'iter di (DE)formazione AGESCI spiegato bene

Per quanto completamente sommerso da importanti impegni non posso che sforzarmi di investire pochi minuti per scrivere questo breve post, essenzialmente un link commentato al bel Blog di Francesco sullo Scoutismo i cui ultimi articoli sono, secondo me, di importanza fondamentale per il futuro dell'AGESCI.
Mi riferisco a questo lungo e desolante post (e al precedente) di cui, a mo' di spoiler, cito gli ultimi paragrafi


L’attuale iter rispetta le mozioni che hanno portato ad una richiesta di ridefinizione dello stesso?No, la mozione 01.2004, che è una delle due mozioni da cui parte la verifica del nuovo iter di formazione, richiedeva “al Comitato Centrale di studiare modalità alternative per lo svolgimento dei Campi di Formazione Metodologica ed Associativa che permetta la partecipazione a quegli adulti in servizio educativo che per esigenze di lavoro non riescono a partecipare ad eventi di formazione di durata settimanale.” Non è stata realizzata nessuna modalità di partecipazione differente ai campi di formazione.

Io ritengo che quanto qui raccontato debba avere la massima diffusione possibile ed invito tutti i lettori interessati a divulgare come possono queste informazioni che, sebbene si riferiscano alla sola formazione dei Capi, in realtà sono specchio di un bispensiero inaccettabile nell'involuzione dell'Agesci in troppi livelli e settori.
Dovrei argomentare approfonditamente ma non mi è possibile per le prossime settimane, ma ci torneremo sopra.
Intanto un bel grazie a Francesco per la chiarezza dell'esposizione e la passione nel suo Servizio.