20 aprile 2011

Pace in Terra agli Uomini di Buona Volontà

Oggi Vittorio Arrigoni torna a Casa.
O, forse, in Patria.
O, forse, ad un’altra Casa in un’altra Patria.
Vittorio Arrigoni, per me, era solo un nome.
Ora è qualcosina in più, ma non perchè sia stato ammazzato da uno dei tanti sottoprodotti di una Tragedia Storica, ma, banalmente, perchè mi è facile mettermi nei panni di chi l’ha conosciuto condividendo con Lui alcune esperienze e che io conosco di persona.

Per evitare equivoci ribadisco sinteticamente la mia posizione: la responsabilità della situazione attuale non è solo di Israele / USA, ma va condivisa tra le classi dirigenti palestinesi, le morenti dittature arabe ed anche l’opinione pubblica occidentale. Quest’ultima, infatti, ha grande responsabilità nell’attuale imbarbarimento strisciante e fascisteggiante della Società Civile Israeliana a cui non si può perdonare molto eccetto la simmetrica reazione al crescente e disinibito antisemitismo di alcune sinistre europee in un circolo vizioso il cui artefice, tuttavia, è noto.
Che Hamas abbia, probabilmente, ammazzato più palestinesi di quanti ne abbia fatto Israele, è a quanto pare, un dettaglio trascurabile ai più.
Concludo, tranciando il mio ragionamento che qui è fuori luogo dato che si parlerà di altro, che secondo me l’assedio a Gaza va tolto ( ma solo se l’ONU o chi per lui si assume la relativa responsabilità militare ), che Israele deve ritirarsi da gran parte della Cisgiordania e che i Sauditi devono scucire qualche centinaio di miliardi di $ sull’unghia per risarcire il Popolo Palestinese dei giochetti che le monarchie arabe hanno fatto sulla sua pelle per lustri.
Ovviamente, sono sempre ben felice di affrontare la questione in altre sedi, purché vengano rispettati due requisiti:

  1. l’interlocutore non dico che debba avere chiaro il quadro dei fornitori di armi ( ossia degli sponsor ) ai contendenti ai tempi della Guerra dei Sei Giorni, ma almeno essersi letto gli articoli di wikipedia sulla questione Palestinese: le assurdità alla Feltri - Sallusti non le digerisco
  2. Non parlo con gli antisemiti ed in ultima analisi ( ma vi meravigliate ? ) Io sposo l’approccio dell’AGESCI alla questione: fosse per me mi spenderei per far incontrare in pace, come fa la mia amata Associazione, israeliani, palestinesi ed italiani per Costruirla davvero, ‘sta Pace.

Fine del paragrafo “Per evitare Equivoci”

Volutamente, in questi giorni, non ho voluto legger nulla di Vittorio Arrigoni.
Il contenuto dei suoi scritti forse non mi piacerà.
Le sue posizioni politiche forse sono strumentalizzabili.
Non lo so.
Oggi, in cui idealmente io sarei andato ad accogliere stasera la sua salma, non me ne frega niente.
Quest’uomo che torna in Patria, in ogni caso, è un Italiano atipico. 
Purtroppo.
E’ un uomo che ha vissuto in pieno accordo col suo cuore.
E’ un uomo che, di questi tempi, è ormai una rarità statistica: un uomo che agisce, che non si limita a rifugiarsi nei social network o nelle chiacchiere.
Un uomo che ha vissuto con gli altri suoi simili gli orrori della guerra, l’assurdità della violenza fino all’estremo.
Per uomini così non può che esserci rispetto e cordoglio.
Ascoltando radio tre, lunedì scorso, mi sono profondamente indignato quando una signora ha giustamente ricordato l’indifferenza per l’assassinio a colpi di coltello di una famiglia israeliana, bimbo di 3 mesi 3 incluso, ma ha assurdamente paragonato questo evento paradigmatico all’assassinio di Arrigoni.
Ma che c’entra?
Cosa c’entra Arrigoni con questi crimini?
Anche da morto un Italiano deve essere di parte?
Io saluto Vittorio Arrigoni perchè ha vissuto ed è morto agendo in coerenza col suo credo, non scrivendone sui blog o su Facebook.
Lo saluto comunque, per questo motivo, come un Costruttore di Pace, nel senso a me più caro.
Di quest’uomo sono orgoglioso, come di tutti gli uomini e le donne che lasciano la propria casa per porre la propria Vita a Servizio degli altri in concreto.