9 febbraio 2014

Un banchetto davanti ad una Chiesa

"Ehi, Andrea si è svegliato, ce l'ha fatta dopotutto!"
Ride una scolta additando  un rover che, più che portare la chitarra, ci si appogga a mo' di bastone per non cascare dal sonno.
Il banchetto per l'autofinanziamento è di fianco all'ingresso della Chiesa.
Dolciumi di vario tipo fanno bella mostra di sè ben allineati sul tavolo di legno coperto appena da una tovaglia non stirata.
I ragazzi si ammassano dietro il banchetto un po' per scaldarsi, un po' per formare una linea di sorrisi per accogliere le persone che vanno a Messa.
Saluto una Capofuoco intirizzita che mi racconta di quanto sia cara la partecipazione alla Route Nazionale e la necessità di non pesare sulle famiglie in questo momento così difficile.
La capisco e le dico che da Capo Clan quasi non ho avuto necessità di toccare la cassa in assenza di attività così particolari.
Ci salutiamo ed entro in Chiesa.
Capi Reparto e Capi Branco si affannano per mettere in ordine nel fantastico caos organizzato di squadriglie e sestiglie.
Le panche si riempiono giusto in tempo per l'inizio della messa ma Akela e il Capo Reparto si aggireranno tra le panche per tutta la Messa.
Quando la Messa finisce guadagno l'uscita in fretta, non voglio trovarmi imbottigliato nella calca.
Torno dai ragazzi al banchetto e compro un dolcetto e in più lascio qualche centesimo come Penny per la prossima Giornata del Pensiero.
Su Bologna, proprio in quel momento, esce il Sole.
Auguro Buona Strada ai ragazzi e torno a casa.
Ci sono molti mondi.