8 ottobre 2015

Il Re Travicello e lo stipendio di un assessore

Prendo spunto dalla caduta del Sindaco di Roma per esprimere il mio punto di vista sulla remunerazione dei politici.
Ho un impiego.
Ho una laurea
Ho certe competenze ed esperienze
Assumiamo (per assurdo) che un Comune/Regione voglia offrirmi un incarico amministrativo legato a queste mie competenze.
Che so, assessore all'innovazione.
"Quanto devo essere pagato?" 
Non credo che sia la domanda più importante.
E nemmeno
"Per cosa devo essere pagato?"
Anche se la risposta: "per fare bene il tuo lavoro di amministratore" sarebbe comunque insufficiente ed incompleta.
No, credo che la domanda più importante sia:
"Mi posso permettere di fare l'assessore?"
Chiariamoci.
Io ho un lavoro ed una carriera.
Se accettassi di fare l'assessore full time per più di qualche mese perderei il lavoro.
E poi?
In altre parole, devo essere pagato a sufficienza non tanto per essere incorruttibile, come una specie di vaccinazione fatta di iniezioni di liquidità monetaria, ma devo essere anche pagato per il danno che subisce la mia carriera professionale.
Quindi, molto.
E chi vi dice il contrario, mente sapendo di avere le spalle coperte.
Avete notato che gli anziani miliardari in politica sono quelli che più battono il tasto sulla povertà?
Sia dei poveracci che dei loro seguaci?
Poi, scusatemi, ma se prendi uno con questo Curriculum  (o quest'altro) e questi titoli di studio e lo metti ad occuparsi di scelte strategiche e questioni tecniche avrai un certo output sicuramente diverso da un CV fatto di studi portati a buon fine (magari scientifici) ed esperienze lavorative nel settore privato di alto livello.
Ma non è poi questo il punto.
Il punto è che, al termine del loro mandato, se i titolari dei CV di cui sopra si attenessero alla loro stessa dottrina, nell'Italia (Mondo Occidentale?) del tempo presente per loro ci sarebbero serie difficoltà per l'inserimento nel mondo del Lavoro.
Ho scritto inserimento, dati gli esempi specifici, non reinserimento, a ragion veduta.
Purtroppo, lo stesso varrebbe anche per un ingegnere o un medico.
Se a quarant'anni lasci il lavoro, ti dedichi alla politica, sei bravissimo ma dieci anni dopo devi/vuoi tornare cittadino privato, come campi?
Chi ti assume a 40, 45 o 50 anni se nei precedenti 5-15 anni non hai esercitato lo farebbe solo per approfittare dei tuoi contatti e del tuo potere accumulato nel tempo.
Voglio proprio vedere se completati i due mandati tutti 'sti paladini di stipendi bassi scambiati per onestà ed efficienza si troveranno un posto nel privato o saranno sistemati come al solito in qualche partecipata (a discapito di un tecnico meritevole).
I politici bisogna pagarli bene.
Perchè pensino a voi prima che a se stessi.
Più è alto, critico ed impegnativo il loro compito più il popolo dovrebbe avere a cuore che stiano comodi e non stargli addosso per gli scontrini:
fate quello che volete ma date risultati, siate anche non perfettamente onesti, ma fate gli interessi della Collettività, sempre.
E poi, anche se vi fate dei nemici, quando il vostro mandato sarà finito, male che vada dovete poter tornare al reddito precedente.
Invece, ai ricchi politici fa piacere che il mestiere di politico diventi loro esclusivo appannaggio.
"No, xmila € al mese? Sono troppi, è uno scandalo, ci rinuncio, io lavoro gratis per voi". 
Dice chi ha una rendita di x*x*x mila € al giorno.
O la certezza di farne x*x*x*x*x*x durante e dopo il mandato.
Tertium non datur.
La Parabola di Marino, a cui nemmeno Papa Francesco ha mostrato Misericordia nell'anno del Giubileo,schiacciato tra i giganteschi interessi privati che voleva smantellare e l'idrofobia plebea che manda al rogo un chirurgo prestato alla politica e rimette sul trono esattamente  e precisamente:


  • chi fa malfunzionare la metropolitana;
  • chi fa malfunzionare la raccolta rifiuti;
  • chi magna pure sui fiori delle aiuole;
  • chi permette che una casa costi quanto un bombardiere stealth.
mi fa desiderare, davvero, desiderare, che a Roma, mi perdonino amici e parenti ivi residenti, torni al potere la stessa gente di prima ma con in più il certificato di immunità rilasciato loro dai romani  che hanno deciso di liberare Barabba ancora una volta.
Se prima rubavano 10 ora io stesso credo che dovrebbero poter rubare e devastare almeno il doppio.
Insomma, quanto vorrei vedere un Frankenstin Dibbaforzanuovalemannocasamonicacoatta a gestire 'sto giubileo, la Capitale e a scacazzare col cane in Piazza San Pietro.
Fan di Alemanno e Traditori di Marino: siete tutti invitati, davvero di cuore, a quell'evento.
Che la festa ricominci