30 aprile 2014

I Promessi Sposi

I Promessi Sposi.
Un Romanzo che è spesso associato alla più completa noia, asfissia ed ansia adolescenziale.
Un romanzo che "Ma è vecchio, superato, che noia, e poi... E poi... Che volete che possa significare nell'Italia del XXI Secolo?"
Già.
Obsoleto.
Vecchio.
Che non descrive la nostra realtà.
Ah, può darsi.
Può darsi.
Però, vediamo, in Italia.
Nell'Italia di oggi.
Abbiamo, vediamo un po', abbiamo Don Abbondio? 
Quello debole coi forti e forte coi deboli?
Abbiamo Don Rodrigo?
Abbiamo i Bravi?
L'Azzeccagarbugli?
I Birri?
La Peste?
La Madre di Cecilia?
Fra Cristoforo?
Almeno, su Renzo e Lucia siamo sicuri di essere tutti d'accordo che quelli, almeno, ci sono.
Vi lascio qualche fotografia, così, per riflettere, magari per accostare alle parole "Bravi, Azzeccagarbugli, Birri, Peste, Cecilia,Cristoforo, Don Abbondio, Ferrer, Fra Cristoforo" le immagini a vostro gusto.
Io vi lascio le mie associazioni...
Per certe di combinazioni di parole e immagini, poi, l'attualità dei Promessi Sposi emerge come l'Iceberg che affondò il Titanic. Anzi, il TitanicItalia...

 Azzeccagarbugli
 i Birri
 i Bravi
 Don Abbondio
 Ferrer
 Fra Cristoforo
 La Madre di Cecilia
La Peste