29 dicembre 2013

Nexus 7: a System Administrator Review

A long time ago, in a world still optimistic, there was a beautiful object called netbook.
It was cheap and, thanks to Linux, suitable for both home users and professional.
But still I see the super manager ofbig computer corporations say to each other:
" Ehy, boys, we are selling $ 200,00 computers that will last five years, would not be better to sell $ 2000,00 computers that will last 3 years?"
And so ended the netbook era and started the ultrabook one.
Ok, ultrabooks are very pretty pieces of hardware but why spend so much money if what you need for your work is a simple and portable device with on board a linux distribution?
A system administrator needs a portable device for monitor his networks from remote (and for portable I mean an object that is almost in your pocket, not an ultrabook as thin and light)
A system administrator needs a portable device that might accompany him inside a rack cabinet and be usable even upside down.
For a GNU/Linux system administrator GNU/Linux is a necessary and sufficient tool for about everything.
For years I used a Dell Mini 9 with ubuntu with whom I have done almost everything.
And I have not found a worthy substitute until this Christmas.
When I got a Google Nexus LTE 7 2013 edition.

Dell Mini 9 (left) and Nexus 7

There are many reviews of this tablet and will not repeat them on these pages.
Here, instead, we talk about the last Google tablet intended as a tool for (GNU/Linux) system administrators.
Android 4.4.2 is Linux (don't GNU/Linux, sure) then satisfies the first condition.
And 'extremely portable and easy to handle (more of the Dell Mini 9) and has a 3G internet connection, so you do not need bring  an Internet Key and connect it when necessary: is always online
I bought also a bluetooth keyboard that also functions as custody for faster text input.


Keyboards comparison, Dell Mini9 Top, Nexus7 Bottom

First I suggest you to unlock the bootloader and gain root permissions.
There are several ways but the  Nexus Root Toolkit  is a simple and effective tool (caveat: if you use Windows 8.1 use the PdaNet Drivers).

Then, here is the package of applications that suggest:

  • OpenVpn for Android (by Arne Schwabe)
  • Terminal IDE
  • SSHDroid
  • Fing
  • Ping & DNS
  • AndFTP
  • ConnectBot
  • Teamviewer
  • Microsoft RD Client
  • androidvnc
  • hacker's keyboard



Obviously, it is a minimum list and absolutley personal, but as I could see on the field, functional.
I connected to the network via vpn, I was able to connect via ssh to the servers, check the status of the my various networks, upload files via FTP and  remote control PC without too much difficulty.
I hope it is obvious that the same operations are much simpler if carried out by a powerful ultrabook connected via ADSL...
But, carried out by a tablet that costs a quarter of ad ultrabook and from a queue at the post office (I know, something incomprehensible to non-Italians, try it :P), well, it's a very nice convenience.
Compared to the Dell Mini 9, I find myself having an even more maneuverable tool and better connectivity options: Wifi, 3G and, theoretically, LAN: pity about an annoyng bug (an error in init.flo.rc file which prevents it from requesting an ip address via dhcp) that, for now, prevents from connect to a LAN via usb adapter, but I'm working on it and, as soon as possible, will put on these pages the solution step by step ...

an USB to LAN adapter (still not working)


18 dicembre 2013

Fedora Core 20, a Mate gift

As many of italian speakers readers of this blog know, Fedora is the Linux Distro I've replaced Windows at work for the first time in 2004.
Today I saw on distrowatch the link for the new Fedora 20.
Yes, Fedora 20, a new Fedora.
Usually I download the iso, try the distro in Virtualbox and delete the VM after few days.
I used CentOS at work, but generally I work with Debian-based distributions.



Installation is easy and fast, about 10 minutes on Virtual Machine ( First generation Core i7 and 2GB of RAM), the only glitch is at hard disk selection: I had to select two or three times before anaconda accepted my input:




But the real surprise isn't the Desktop, a classic 1.6.1 MATE, but the list of installed applications.
A relatively short list:

some accessories, the Midori Web Browser, and a standard "web equipment" (Ckaws mail, filezilla, pidgin, transmissione and tigervnc) and... nothing else.
For an advanced user, is a real feast to have a distro that installs by default only a small software package leaving room for a quickl customization:
why waste time to uninstall unuseful packages and then install the right ones?




Yum extender (the ".rpm version of synaptic) is the only software manager installed.
Yum, an old friend, is much improved over time and installed Firefox in few seconds.
I installed also Gimp in about 20 seconds.



I have only one doubt: why install Compiz on MATE? Yes, desktop effects are cute, but MATE is made for those who do not want graphic effects and prefer a slim, no-frills, desktop environment.
I must have somewhere a test machine for a physical installation: after all, I was looking for a appetizing solution  to practice  (again) with the Red Hat universe  ...





12 dicembre 2013

ESXi host unreachable from openvpn if openvpn is a guest virtual machine

If your openvpn server is virtualized on a ESXi host you may run into a peculiar malfunction:
the vpn will work perfectly except the for the inability to ping the ESXi host and use the vSphere Client from the vpn on ESXi host.
You can do two things.

Check Configuration -> Networking -> Select the Management Network -> Properties

Then Security and check that you have flagged as accepted the policy Promiscuous Mode, MAC Address Changes and Forged Transmits.

Yes, this is yet documented.

But you can do another control.

In IP Settings Check the VMkernel Default Gateway: 
if it is not the correct one he could be the bad guy in this story.

11 dicembre 2013

Leggerezza e sollievo. Che veleno

Un giorno, forse, scriverò del disastroso esito delle Primarie PD.
Ora che ho deciso di sospendere il mio impegno diretto nella Politica Partitica sto sperimentando una sensazione simile a quella provata quando ho dovuto smettere di fare il Capo Clan.
Al netto di un mucchio di sensazioni negative, c'era una limpida sensazione di sollievo e leggerezza.
Sollievo dal carico di responsabilità del Capo.
Leggerezza per un cuore a cui si aprivano nuove possibilità.
Ecco, senza troppi fronzoli, io ora mi sento quasi euforico.
Prima di tutto ho un alibi di adamantio:
Ho fatto volontariato per quasi tutta la mia vita adulta con tanto di attestato-di-benemerenza-che-al-matrimonio-non-mi-spianò-la-via.
Ho condotto una lunga campagna politica e, credo caso più unico che raro, nonostante la presenza in una Segreteria comunale del partito regione di Basilicata, sono stato comunque costretto ad emigrare al Nord.
Ho lottato fino all'ultimo coi civatiani.
E ora eccomi qua.
Sarò libero di parlare a vanvera sui Social Network.
Per non parlare di Linux, a cui mi sto dedicando troppo poco ultimamente.
Parlerò della Siria, che tanto necessita di voce.
(Dato che i purissimi antipiddini di immacolata confessione di 'verasinistra' sono così muti a riguardo da poterli scambiare per le pietre che hanno nel cuore)
E magari un po' di più alla geopolitica, altra vitale e negletta scienza del BelPaese.
Ma la cosa che più mi darà soddisfazione sarà l'irresponsabilità di cui godrò.
Finalmente è vero anche per me: TANTO PEGGIO TANTO MEGLIO.

4 dicembre 2013

Basilicata: l'Arca di Noè

La Basilicata è sott'acqua.
Le strade strette e tortuose sono state spezzate.
Crollano gli edifici, annegano le colonne dei templi.
Nello stesso silenzio che regna nei giorni d'estate sulle valli bruciate dal sole.
Dovrei provare rabbia per l'assenza di attenzione.
Ma sento che l'indifferenza con cui l'Italia ha trattato la Basilicata dal terremoto in poi è perfettamente ripagata.
L'Italia ignora il suo cuore allagato perchè è annegata da tempo.
Noi no.
Noi ricordiamo.
E siamo vivi, 
anche sott'acqua.

1 dicembre 2013

Alle (ultime?) Primarie del PD la candidatura vincente è quella collettiva!

Conosco L. da molti anni.
Una persona seria, gran lavoratore, ottimo amico, impegnato allo strenuo in un faticoso percorso di volontariato.
Gentilissimo e sempre cortese l'ho incontrato alla convenzione del Partito Democratico.
In fila, avanti a me, per votare.
Non avevo idea che fosse iscritto al PD.
Eppure lo conosco da un bel pezzo.
Parliamo del più e del meno e gli chiedo se conosce il Segretario del PD del locale circolo, quel signore gentile che ha tappezzato la sala del seggio di manifesti della lista Cuperlo e ha aperto le votazioni dopo una discussione farsa di pochi secondi davanti ad una platea vuota.


Ecco qui sopra il 'congresso' dei tesserati, di quelli aventi diritto ... E' una foto reale del culmine della 'discussione', quel sano e democratico confronto tra i tesserati a cui tutti protendono.
Ecco, il Professor Cacciari dovrebbe considerare questa normalità prima di scagliarsi contro l'eccezionalità delle per lui stomachevoli primarie aperte.
La foto qui sopra è una conseguenza di parecchi anni di comportamenti scellerati da parte delle classi dirigenti locali e nazionali.
E Cacciari di sicuro non è stato nell'Iperuranio negli scorsi anni.
Per la cronaca, a due metri da lì già si votava...
Torniamo ad L.
Non aveva idea di chi fosse il suo candidato nè idea delle differenze delle relative piattaforme.
L'ho salutato, ho messo la mia X sul nome di Civati e sono tornato a casa per fare i bagagli e ri-emigrare da Matera per Bologna.
Tra una decina di giorni si vota per le primarie del Partito Democratico.
Di nuovo.
Mi è piaciuto partecipare alla campagna di Pippo Civati perchè è stato bellissimo incontrare altre persone. Dei simili.
Sapete, una rara combinazione di persone di sinistra che desiderano un partito di sinistra che dice e fa cose di sinistra e che votano una persona, come segretario, che ha scritto, con l'aiuto della comunità, un programma politico di sinistra e che si professa di sinistra.
"Dobbiamo tutelare gli interessi di chi ha 4 case!" 
E' una affermazione che mi è capitato di sentire, letteralmente, in una Segreteria PD.
Non è una affermazione illegittima... per un ricco repubblicano texano, magari in una Segreteria PD è un po' fuori luogo, non credete ?
Beh, ho cambiato idea. 
Prima pensavo che fosse fuori luogo. 
Ora son certo che sia una affermazione maligna.
Proprio perchè fatta in un luogo in cui non si dovrebbe certo complottare alle spalle di chi ha 4 case. 
Ma si dovrebbe fare di tutto per dare una casa a chi casa non ne ha.
Ecco, il PD che i Civatiani, e non il solo Pippo Civati, sognano è un Partito che ha ben chiari i processi per raggiungere i propri obiettivi.
Tutti vogliono che arrivi il lavoro, il rispetto dell'ambiente, l'onestà, la cultura, lo sviluppo economico ed umano.
In pochi, tuttavia, si concentrano sul 'come'.
Ecco, la nostra proposta è basata sul 'come'.
E sono 'come' di sinistra che mettono al primo posto i diritti delle persone.
In un piano strutturato.
Pazienza se sono 79 pagine nella sola mozione congressuale.
Mi fanno ridere amaramente le persone che vorrebbero affidare il proprio futuro a 'leaders' di cui non hanno avuto nemmeno la voglia di leggere le intenzioni ragionate.
E mi fanno ancora più tristezza coloro che ritengono che i problemi del Paese siano risolvibili se espressi su un pezzo di carta non più grande di un foglio A5.
Per non parlare di quelli che pensano che 'rinnovamento' sia mandare a Roma , all'Assemblea, due anziani senatori di lungo corso.
Ora, non sto dicendo che votare Renzi sia la scelta sbagliata.
Per esempio, se condividete la sua iniziativa sul 'cimitero' dei feti è la scelta giusta.
Se non la condividete perchè lo votate?
E potrei fare altri venti esempi.
Di cosucce non proprio banali su cui la direzione di un PD a guida Renzi sarebbe impostata.
Quindi, mi sono registrato come iscritto lavoratore fuori sede e ho pagato via paypal il mio contributo.
Domenica andrò a votare.
E non è detto che il 9 Dicembre le cose staranno come scrivono da mesi La Repubblica, il Corriere e il Fatto Quotidiano per tacer di Fazio.
Combatteremo, ancora una volta.
Ma, questa volta, la vittoria potrebbe anche non passare dal risultato matematico.
Perchè questa nuova "Candidatura Collettiva" non finisce l'8. 
Inizia.

12 novembre 2013

La Terza Guerra Mondiale: Teatro Europa

Ok, questo sarà un post un po' insolito, ispirato, probabilmente, dalle elezioni regionali, dal congresso PD o, che so, dalla devastante sensazione che l'Italia sia l'ultimo paese superstite del Patto di Varsavia...
Sarò logorroico, anche secondo i miei standard, siete avvertiti.
Parliamo di Terza Guerra Mondiale.
Ma non quella economica attualmente in corso, parliamo di quella mai combattuta tra NATO e Patto di Varsavia.
Come al solito le fonti principali faranno riferimento a wikipedia.
Iniziamo a delimitare un po' il campo: non ci occuperemo, in questo articolo, di cose alla "The Day After" o "Alba Rossa".
Anche se, con orrore, dovremo considerare l'uso di scenari nucleari, resteremo il più possibile nell'ambito raccontato nel romanzo "Uragano Rosso" di Tom Clancy e in vari saggi di fantapolitica, come "La Terza Guerra Mondiale" di John Hackett.
Ora, non mi metterò, qui, a snocciolare cifre e a fare elenchi di divisioni e piani di battaglia.
Quello che mi interessa è ricordare a tutti un pezzettino di Storia che fa da fondamenta al nostro quotidiano e che sembra negletto nel sentire comune.
Dunque, da dove cominciare?
Per prima cosa da un invito a farvi un bel giro su wikipedia e leggervi le voci relative alla Guerra Fredda, a NATO e a Patto di Varsavia
Per capire meglio certe mie affermazioni, poi, sapere anche come sono andate le cose durante la Seconda Guerra Mondiale da un punto di vista militare sul Fronte Orientale non guasterebbe, eh!
Ero ragazzino negli anni 80 e ricordo bene la dicotomia tra la retorica filosovietica allora (allora?) spacciata per pacifista e la terrorizzante prospettiva di un'armata corazzata gigantesca accampata senza soluzione di continutià dal Mare del Nord al Mar Nero pronta ad invadere l'Europa Occidentale.
Per non parlare dell'angoscia generata da The Day After riguardo l'Olocausto Nucleare: ancora ho gli incubi almeno un paio di volte all'anno e non scherzo.
Insomma, io ricordo benissimo di aver avuto nove anni e di sapere che a due passi da casa mia c'era un bersaglio primario del Patto di Varsavia: l'aeroporto di Gioia del Colle ... Eccovi qui sotto una simulazione di quello che sarebbe l'effetto di una bomba all'idrogeno da 1 Megaton sulla base aerea pugliese al netto di onda d'urto e fallout radioattivo, in genere una scia che si muove dal punto di impatto verso est ...




Se volete "divertirvi" a nuclearizzare una città e vedere che effetto che fa potete trovare quello che vi serve qui.
Torniamo a bomba...
Dal 1945 al 1990 l'Unione Sovietica e i suoi alleati soggetti del Blocco Orientale (Germania Est, Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria) schieravano sui confini dell'Europa Occidenale un esercito grosso modo tre volte più grande di quello schierato dalla NATO.
Questa è una semplificazione, molte divisioni erano di seconda qualità, a effettivi incompleti  fino all'eventuale mobilitazione generale e/o con equipaggiamento di vecchia generazione, tuttavia, dato che in molti eserciti NATO le cose andavano più o meno allo stesso modo può essere accettata in prima approssimazione.
Gli eserciti del Patto di Varsavia sono andati via via crescendo nel corso del tempo fino ad arrivare, poco prima del crollo del regime sovietico ad una massa di qualcosa come duecentocinquanta divisioni (210 sovietiche) contro una settantina della NATO (facciamo 90 includendo anche le truppe USA dall'altro lato dell'Atlantico).
Ecco qua un'infografica valida per la metà degli anni '80.



Ma le cose stavano davvero così?
No.
Sveliamo il thriller e poi lo spieghiamo, va.
Dunque, è mia ponderata e fondata opinione che l'URSS e i suoi alleati sarebbero stati sì e no in grado di difendersi in caso di conflitto convenzionale.
E, di questo, i leaders sovietici erano pienamente consapevoli.
Infatti, mi duole dirlo, quando dopo la caduta del muro di Berlino sono venuti alla luce i piani di guerra del Patto di Varsavia, praticamente nessuno prevedeva azioni difensive (quindi la 'propaganda capitalista' degli anni '80 diceva il vero) e nessuno prevedeva di invadere l'Europa Occidentale senza un massiccio uso di armi nucleari.
Le fonti online  (cito solo wikipedia ma con un po' di sforzo potete cercare anche voi) sono concordi: prospettive di successo senza armi nucleari i sovietici non ne vedevano proprio.
Ma come, avevano una superiorità numerica schiacciante e potevano ricevere rinforzi dal cuore dell'URSS in una notte di treno (mentre dagli USA i carri armati dovevano arrivare attraversando l'Atlantico infestato da sottomarini russi e sotto la minaccia di bombardieri a lungo raggio, viaggio che sarebbe durato almeno una settimana), perchè iniziare la 'liberazione dei popoli oppressi dal capitalismo' con una scarica di esplosioni atomiche?
Vediamo qualche cartina d'esempio tratta proprio dalle fonti scoperte dopo la caduta del Muro di Berlino:


i piani cecoslovacchi del 1964



ed i piani generali per gli anni ottanta che furono testati in un'esercitazione denominata
 "7 giorni fino al fiume Reno", la seconda immagine riguarda il dettaglio dei compiti specifici dell'esercito polacco.

Ironia della sorte, in ultima analisi, lo slogan pacifista "Meglio Rossi che morti" che invitava ad una resa incondizionata in caso di attacco sovietico, non aveva alcun senso, dato che si sarebbe morti tutti nei primi minuti di quell'attacco.
Effettivamente, siamo di fronte ad un bel dilemma.
Che ha una spiegazione semplice: quasi sicuramente, in effetti, tutto l'intero apparato bellico dell'URSS, la retorica, i piani di attacco nucleare, erano un completo bluff destinato a scopi di conservazione del potere interno.
I Leaders Sovietici potevano anche consentire che si mettessero per iscritto farneticazioni come l'uso di armi nucleari tattiche. Ma sapevano bene che lanciare anche solo una manciata di armi nucleari nel cuore dell'Europa avrebbe portato, in poche ore, ad un olocausto nucleare globale.
Semplicemente, speravano che il muro di carri armati preservasse l'URSS dai nemici esterni e interni.
E per una quarantina d'anni ha funzionato.
Ora, il lettore potrebbe subito opporre l'obiezione della mancata opzione di una guerra completamente convenzionale.
Certo, difficilmente, negli anni '80, la NATO avrebbe usato per prima le armi nucleari sul proprio territorio (mentre non era così dal 45 agli anni 60 inoltrati, quando era la NATO a prevedere, in caso di aggressione anche solo convenzionale sovietica, una massiccia rappresaglia nucleare).
E allora?
E allora i leaders sovietici erano ben consci anche dell'efficienza pratica delle proprie gigantesche forze armate.
Per prima cosa, sapevano bene che degli eserciti delle 'nazioni sorelle' del Patto di Varsavia c'era ben poco da fidarsi, anzi, in caso di guerra era meglio che se ne stessero in caserma senza munizioni circondati dai battaglioni del KGB.
Forse forse i tedesco orientali potevano essere usati, ma non ce li vedo i Polacchi fare altro che sparare ai russi...
Poi, data la stessa struttura dell'Armata Rossa, in cui i fenomeni di nonnismo erano addirittura incoraggiati dagli ufficiali (sempre per motivi politici), non è che ci fosse poi tanto da aspettarsi nemmeno dai reggimenti della Guardia Sovietica: durante l'invasione della Cecoslovacchia certi ufficiali sovietici, di notte, dormivano dentro i carri armati chiudendosi a chiave e lasciando fuori gli equipaggi che temevano più degli insorti cecoslovacchi...
Per non parlare del nepotismo istituzionalizzato condito da selezione mediante criteri di affidabilità politica che rendevano promozioni e incarichi la posta di un logorante duello tra veri e propri feudi di potere nella casta degli ufficiali. 
Invariabilmente, le carte dimostravano che le truppe erano disciplinatissime (mentre ordinariamente regnava il caos nelle camerate), indottrinate (questo magari era vero) e che tutti i carri armati erano efficienti e lustri mentre si sa che ne funzionava al meglio uno su tre.
Ora, magari un giovane ufficiale orgoglioso della sua tessera del Partito poteva anche ignorare certi fatti, ma dubito che fossero ignoti al Politburo...
Infine, il lato tecnico della faccenda.
A parte i famosi carri armati T-34 della Seconda Guerra Mondiale, l'universale AK-47 e il MiG 15 della Guerra di Corea, è difficile individuare nella macchina militare Sovietica, soprattutto nei primi anni '80 del Secolo Scorso, un sistema d'arma integrato capace di surclassare gli equivalenti occidentali anche in caso di notevole superiorità numerica.
Queste, ovviamente, sono affermazioni "a posteriori". Vi garantisco che nel 1985 il sottoscritto considerava il MiG-25 come una specie di spauracchio finchè, quando un paio di lustri dopo ho avuto modo di confrontarmi con fonti di origine anglosassone ho scoperto che un gran numero di osservatori occidentali già nella prima metà degli anni '80 avevano scoperto il bluff sovietico e il controbluff del complesso militare industriale occidentale che 'pompava' la minaccia sovietica per garantirsi ordinativi.
Suggerisco la lettura di "La Minaccia: dentro la macchina militare sovietica" di Andrew Cockburn, un impegnativo volume che spiega come, alla fine della fiera, non solo il gigante aveva i piedi d'argilla nel suo complesso, ma che anche le sue singole cellule non erano questo gran che:

Quanti carri armati M60 Patton o M1 Abrams sono stati distrutti da un Tank T-72?

Quanti F-16 israeliani sono stati abbattuti da  un Mig-23 siriano?

La risposta è semplice. Praticamente Zero.
Anche per un distratto osservatore contemporaneo dovrebbe essere chiaro che, a livello di aerei e carri armati, non c'è confronto tra equipaggiamento sovietico e occidentale inteso come F-15/F-16 vs MiG23/25 e M1 vs T-72.
Il destino delle forze armate siriane negli scontri con gli israeliani è un esempio concreto.
Del resto, ad esempio, il carro armato T-72 ha un sistema automatico di caricamento del cannone che tende a malfunzionare strappando via il braccio del cannoniere usando l'arto strappato al posto del proiettile. Molti equipaggi di T-62 siriani sul Golan sono morti soffocati nel proprio carro armato a causa di un sistema di ventilazione insufficiente (e che, in teoria, è progettato per consentire la sopravvivenza per giorni in un ambiente contaminato da radiazioni e gas nervini...).
Nessun pilota di caccia americano ha mai avvistato, durante la guerra del Vietnam, un MiG a più di 120 Km dal proprio aeroporto di partenza, dato che il raggio d'azione pratico dei MiG è raramente superiore ad un terzo di quello teorico.
Il famoso MiG 25 capace di superare Mach 3 e che ispirò un bel film di Clint Eastwood, aveva un'autonomia di poco più di 600 km reali e non aveva nessuna capacità di combattimento manovrato.
Altri esempi? La forza d'elite dell'aviazione sovietica, la PVO, ha fallito nell'intercettare il Cessna di Mathias Rust che riuscì ad atterrare sulla Piazza Rossa ( e se fosse stato un missile da crociera a testata nucleare?) Per non parlare dell'abbattimento del volo 007 della Korean Air Lines: a parte la tragedia umana per l'assassinio a sangue freddo di 269 innocenti, ben 4 intercettori supersonici si alzarono in volo per inseguire un aereo civile grosso e lento che volava ignaro di tutto ad alta quota in bella vista, ma solo 1 di questi caccia raggiunse il Boeing, gli altri fallirono l'intercettazione. 
E se fosse stato un bombardiere supersonico B1 in volo a bassa quota? 
Per non parlare dei servizi logistici sovietici, insomma il trasporto di gasolio, cibo, munizioni e rinforzi, strutturati all'incirca di un terzo di quelli occidentali... 
Gli esempi di inefficienza tecnica di carri armati, aerei e navi sovietiche potrebbero occupare centinaia di pagine, roba da far sembrare gli F-35 più performanti dell'Enterprise... 
Ma credo di aver dato un'idea.
Si badi bene, non sto sostenendo che l'esercito sovietico fosse una barzelletta. 
Sto affermando che in tempo di pace viveva in una forma di anarchia organizzata in cui i soldati di leva erano sottoposti ad angherie da parte degli anziani e gli ufficiali avevano altro da fare che prepararsi alla guerra vera.
C'era il caso che una volta distribuite le munizioni nelle compagnie meno coese ci si sparasse a vicenda. E del resto quello che è successo in Cecenia dove i sergenti vendevano le reclute ai ribelli è conferma sufficiente.
Sto affermando che per far fuori una compagnia di 12 carri armati tedeschi Leopard2 probabilmente non sarebbe bastato un battaglione di 40 carri armati T-72 e forse nemmeno un reggimento...
Tutte cose che hanno la loro importanza in un conflitto che poteva durare sì e no un mese.
La leadership sovietica queste cose le sapeva bene e le va riconosciuto di aver fatto, tutto sommato, la sua parte per evitare che il pianeta diventasse un cumulo di macerie radioattive.
Ah, ovviamente il tutto vale anche per le armi nucleari. 
Sfortunatamente su 1100 ICBM, per esempio, credo che sì e no i 300 nominati in The Day After si sarebbero levati in volo, una percentuale bassina ma, parlando di armi nucleari, più che sufficiente per far estinguere l'umanità...
Quindi no, una guerra nucleare non sarebbe stata vincibile da parte degli USA in nessun caso.
Trovo interessante che un falco come Tom Clancy e una colomba come Andrew Cockburn, ragionando fuori da schemi ideologici, alla fine siano giunti ad una medesima conclusione: alla fine le capacità operative dell'Armata Rossa non erano sufficienti a garantire la vittoria Sovietica sul campo di battaglia del Teatro Europa.
Ma se, per esempio, i falchi del Cremlino avessero fatto fuori Gorbacev e deciso di tagliare il nodo gordiano del confronto con l'Occidente invadendo i paesi della Nato come sarebbero andate le cose?
Come scrivevo prima, sempre quando ero ragazzino lessi un saggio di fantapolitica "La Terza Guerra Mondiale" di John Hackett, in cui i Sovietici pianificano una campagna quasi completamente convenzionale, usando, però, aggressivi chimici.
I sovietici, dopo un successo iniziale travolgente, si trovano logorati a causa delle loro insufficienze logistiche e della mancata conquista della superiorità aerea. Eccovi le cartine che tanto mi affascinarono all'epoca, tenete presente che era praticamente 'cronaca':



La Distribuzione  iniziale delle forze Sovietiche



Il Piano di Guerra Sovietico



inizia l'avanzata


in quattro giorni il Reno è raggiunto in Olanda


l'avanzata sovietica è bloccata ovunque


L'offensiva verso sud della 20° Armata della Guardia Sovietica è bloccata dall'aviazione NATO, contemporaneamente inizia la controffensiva NATO verso Brema con crollo del fianco destro Sovietico e fine delle ostilità


Ecco, io credo che le cose potevano anche andare così. Certo, molto sarebbe dipeso da chi avesse sferrato il primo colpo nella guerra aerea e da fattori politici diversi: ad esempio, la Romania non è mica detto che si sarebbe schierata con il Patto di Varsavia.
Una cosa, però, è certa.
Le moderne armi convenzionali sono di gran lunga più devastanti di quelle della Seconda Guerra Mondiale, quindi della Germania non sarebbe rimasta pietra su pietra anche nell'improbabile caso in cui gli eserciti contrapposti si fossero comportati decentemente verso i civili e non avessero usato nè armi chimiche nè armi nucleari.
Beh, c'è molto altro da aggiungere.
Per esempio:
i videogames che trattano dello stesso argomento.
La guerra nell'aria e sui mari.
Insomma, possiamo perderci un po' di tempo alla ricerca del perchè qualcosa che era dato per inevitabile, imminente e certo, poi, alla fine, non si è affatto verificato...




8 novembre 2013

La Bellezza non è di questa Patria


La mia ultime immagine del profilo, una bandiera italiana ritorta a mo’ di cappio, ha destato qualche preoccupazione e protesta.
Effettivamente, non è una bella immagine.
Ma non è colpa mia se la bellezza non è di questa Patria.
Quella stoffa che strozza non è fatta nè è tirata da una sola persona, nè da una piccola minoranza.
E’ un tessuto, come tutti i tessuti è fatto di fibre sottili, di singole azioni, di singole persone che si intrecciano l’una sull’altra e poi si intrecciano ancora.
Solo che questo tessuto è fatto di azioni cattive anche solo per il contesto in cui sono commesse.
Cattive, non necessariamente illegali.
Azioni che portano al male.
Il Cappio è multicolore, sfuggente, morbido, tenace, intessuto di vigliaccheria e di mille e mille “non è colpa mia, io che ci posso fare”.
E’ fatto dai poliziotti di Genova e dagli sfruttatori che sulla carta di identità hanno scritto imprenditore, mica solo dagli evasori fiscali. 
E’ fatta più dai burocrati che si trincerano dietro ‘la legge ci impone….” di strozzarvi, appunto, che dai politici corrotti.
E’ fatta da docenti universitari e medici divenuti tali per meriti clientelari e che ora sputano nel piatto grazie a cui sono diventati obesi riciclandosi nel nuovocheavanza.
E’ fatta da una Città che respinge al mittente  Unione Europea montagne di soldi perchè la sua leadership non è nemmeno capace di spartirseli.
E’ fatta di cittadini che si comportano in pubblico ed in privato come se fossero gli unici abitanti dell’universo.
E pure da vecchi compagni, reduci da tante battaglie per la libertà e i diritti di uomini e animali che finiscono a militare in una compagine politica che ammette, per ideologia e ragioni elettorali il “reato di clandestinità”.
Un tessuto che  può anche essere perforato, magari, continuado a fare i Linux Day, parlare contro la speculazione edilizia e dando una mano ai Campi Scout.
Può essere perforato, certo, da questi singoli gesti di singoli, ma, purtroppo, questo non rende quel tessuto meno asfissiante.
Oggi credo che vada semplicemente tagliato.
Proprio sul nodo.

3 novembre 2013

Di Battista e la scatola radioattiva

Una bella scatola di biscotti può anche avere qualche biscotto guasto. 
O anche tutti.
Si buttano via i biscotti guasti. 
O anche tutti.
Poi, dentro quella scatola, puoi conservare altri biscotti buoni e mangiarteli di gusto.
Ma se la scatola è fatta di latta e di Plutonio, dentro potrai metterci anche i migliori biscotti del mondo.
Diventeranno radioattivi in poco tempo.
Tutti quanti.
E diventeranno velenosi tutti quanti, anche se sopra non ci sarà mai traccia di muffa.
L'essere favorevoli al Reato di Clandestinità, per esempio (e non ne aggiungo altri perchè è più che sufficiente questo orrore) è il Plutonio.

Dalle Pigne ...

28 ottobre 2013

Tempi Moderni

"Learco, cosa ne hai fatto dei tuoi talenti?" Grida l'angelo del telavevodetto.
"..."
"Guarda, non perdiamo tempo" Dice l'angelo del questalhogiàsentita all'angelo deltelavevodetto "E' un'altra causa persa!"
"Allora, Learco, cosa ne hai fatto dei tuoi talenti?" Insiste l'angelo della ripetizione.
"Me li hanno rubati."
"Eh?" Esclama l'angelo prontoatutto " Non capisco, non l'ho mai sentita questa in duemila anni di learchi".
"Che significa 'me li hanno rubati'" dice un angelo all'altro:
"Vedi un po' sul manuale"
"Dunque, talenti seppelliti, talenti investiti, talenti raddoppiati, oh, cercate pure voi sull'altra versione"
"Niente, anche qui si parla di mine investite, seppellite, interessi, cose così, ma di furti di talenti niente"
"Deve essere un segno dei tempi, una di quelle cose che ha detto il Principale sarebbero successe verso la fine" dice l'angelo della ragionevolezza.
"Di' quello che ti pare ma noi siamo stati mandati da Learco per sapere che cosa ne ha fatto dei suoi talenti e la risposta: 'me li hanno rubati' non rientra nella matrice di quelle possibili, ci vai tu dal Principale a dirgli che si è sbagliato un'altra volta? Ti ricordi che è successo quando abbiamo dovuto smetterla di far muovere il Sole attorno alla Terra?" grida, esasperato, l'angelo del minimo sforzo.
"Learco, pensaci bene, non è che te li sei dimenticati da qualche parte? Non è così grave, sai" Dice dolce l'angelo del condono.
"Me li hanno rubati".
"Ma non è possibile, chi te li avrebbe rubati?" Prova l'angelo della comprensione
"Zitto Learco, ti proibisco di rispondere!" Interviene l'angelo dell'NSA che prosegue: "Brutti idioti, se vi dice chi gli ha rubato i talenti poi voi che fate?"
"Beh, andiamo dal ladro e glie li facciamo restituire" Risponde l'angelo del candore.
"Deficienti che non siete altro, ma Learco vi sembra un nome Tedesco per caso?" Continua l'angelo del KGB.
"Effettivamente, no" risponde il coro angelico.
"E allora che chiedete cose che vi portano su una falsa pista?" dice l'angelo di ustica.
"Per fortuna sono arrivato in tempo" dice, trafelato, l'angelo dell'alitalia "C'è una nuova disposizione per questa nazione, effettivamente i casi di furti di talenti sono tantini, qualche milione, insomma, registrateli come furti di talenti e tornatevene al vostro cielo"
"E poi? E a Learco che diciamo?"
"Nulla".
"Nulla?"
"Uaglio', capiamoci: è meglio che con quelli a cui hanno rubato i talenti noi non ci parliamo, ci sono in ballo milioni di posti di lavoro..."
"Posti di lavoro?"
"Sì, quelli degli angeli custodi dei derubati"
"Ahhh"
"Già."
"Learco, allora ti hanno rubato i talenti? Che peccato..."



PS: Grazie a Paolo Nori, per Learco e le altre storie.

27 ottobre 2013

Linux Day 2013, tutti giù per terra.

E così anche questo Linux Day ( 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2013, quindi il mio sesto ) è andato.
Nelle passate edizioni l'Organizzazione è riuscita a proporre un costante crescendo di quantità e qualità:
più macchine, più postazioni, più sottoeventi. Conferenze anche intercontinentali via web, seminari di un certo spessore tecnico a livello delle migliori iniziative italiane.
Insomma, rileggendo i programm idelle passate edizioni trovo  qualcosina un zinzino più evoluto del classico 'come si installa ubuntu': i nostri seminari sul GIS, il google summer code, programmazione, firewall e quant'altro.
Pure i gadget avevamo: dai cd originali di ubuntu alle borse in stoffa alle mitiche magliette a tema.
Ma poi?



Cosa ha portato tutto quello sforzo di un pugno di persone per tanti anni?
Le amministrazioni pubbliche hanno continuato a tagliare i servizi e a comprare licenze software proprietarie.
Meno posti negli asili, più disoccupati, più profitti per i soliti noti.
I cittadini hanno continuato a usare software pirata e a regalare i propri dati al cybercrimine.
E dei Fondi Europei utilizzabili per migrazioni e implementazione di sistemi open data si son perse le tracce.
Quindi, nulla di fatto?
Io credo di no.



Certo, quest'anno abbiamo deciso di ricominciare da zero.
Dosando con attenzione le risorse disponibili.
Il che ha portato comunque ad un'offerta limitata ma rigorosa (stallmaniana, è stata definita) per i pochi utenti intervenuti.
Eppure, anche quest'anno il numero di utenti Linux è aumentato.
Eppure, anche quest'anno è stata festa.
Anche quest'anno non ci si è rassegnati al "Le cose vanno così, è inutile che ci proviamo".
Anche quest'anno è stata fatta testimonianza.
Facciamo la cosa giusta, in tre o trenta.
Resta giusta.









23 ottobre 2013

Openstreetmap addicted

Openstreetmap.
Uè, non è che mo' qui ci faccio una conferenza, andate su www.openstreetmap.org e divertitevi. 
Poi, se vi serve aiuto, chiedete eh!
Andiamo con ordine.
Tre anni fa, in concomitanza con il Linux Day 2010 ed i referendum sull'Acqua Pubblica, organizzammo un mapping party per mappare le fontane nei Sassi.
Ne venne fuori una bella iniziativa che mi introdusse ad un mondo sconosciuto.
Purtroppo, non ho mai avuto modo di dar seguito a quell'esperienza in maniera concreta fino a questi giorni.
Nell'ambito delle iniziative legate a Matera 2019, la celeberrima idea per far diventare la mia città natale Capitale Europea della Cultura, questa settimana è stato organizzato un Workshop, appunto, su OpenStreetMap.
Piersoft Paolicelli e Maurizio Napolitano hanno sagacemente condotto le operazioni, ciascuno nel suo ambito e, come risultato, il mio account openstreetmap è passato da zero a trenta modifiche in meno di 24 ore.
E' una droga...

Però devo aprire una parentesi sulla faccenda Matera 2019. 
Come dire, a scanso di equivoci.
Non condivido le modalità di gestione della candidatura a capitale europea della cultura. Non ne condivido le modalità "arma di distrazione di massa" nè l'esternalizzazione nè il mancato coinvolgimento, causato dall'uso strumentale della candidatura, di larghe fette della popolazione interessata (di per sè una piccola minoranza).
Tuttavia ...
Ho speso, assieme a molti altri, tempo ed energie negli anni passati per diffondere la cultura del Software Libero e per chiedere politiche di apertura dei dati.
Anni.
Il primo Linux Day materano mi sa che è del 2007...
E' stato un impegno appassionante per il piccolo gruppo di persone che l'hanno portato avanti cercando di costruire una Comunità Locale e di invogliare ordini professionali e Pubbliche Amministrazioni ad adottare Software Libero e politiche di Open Data.
Ritengo, a posteriori, che sin dal 2010 vi fossero le condizioni ideali perchè almeno l'Amministrazione Comunale Materana potesse iniziare un progetto di Migrazione al Software Libero e di diffusione ed apertura del proprio patrimonio di dati.
La Comunità Materana del Software Libero è arrivata persino a formulare una proposta di legge regionale su Software Libero ed Open Data.
Purtroppo, all'epoca, evidentemente i tempi non erano maturi... Mettiamola così.
E oggi?
E oggi raccogliamo quello che possiamo.
Il Workshop è stato molto interessante.
Le modifiche fatte ad OpenStreetMap sono fatti concreti, forse non valgono molto nel quadro generale di una città e di una regione che affondano nella povertà, ma sempre fatti concreti restano.
Magari questa è la volta buona che si riesca ad innescare un circolo virtuoso come quello progettato anni fa.
Quindi non ho visto nessun motivo per far mancare il mio appoggio a questa iniziativa.
Su Facebook è attivo un gruppo di coordinamento per completare la mappa di Matera in vista del mega evento OSM del 2014: il convegno annuale si terrà, infatti, proprio qui a Matera!
Questo non vuol dire che io possa approvare situazioni paragonabili a questa: tanto per parlar chiaro, ad esempio, una eventuale migrazione al software libero non è cosa che riguardi solo il volontariato, ma va finanziata col denaro risparmiato sull'acquisto delle licenze proprietarie!
E chiudiamo la parentesi, tornando al Workshop.
Potete trovare facilmente online informazioni su openstreetmap e per comodità vi allego qui le slides proiettate da Napolitano:



Che dire, ho imparato a modificare openstreetmap e a usare JOSM e sto continuamente ad inserire dati come un vero OpenStreetMap addicted.
Con lo stesso spirito mi presenterò nuovamente, sabato prossimo, con armi e bagagli per un'altra edizione del Linux Day.
Chi la dura la vince.

22 ottobre 2013

Il Programma del Linux Day 2013 a Matera

Dopo ponderata riflessione ecco il menu della festa del Software Libero che si terrà Sabato 26 Ottobre 2013 a Matera:
  • cenni di crittografia (come usare GPGe Truecrypt);
  • WHONIX, la via facile a TOR;
  • Software Libero: la solita lezioncina (repetita juvant);
  • Install Fest!.

In pratica, sfruttando il caso PRISM, faremo due chiacchiere a livello terra terra (come il relatore Angelo Giordano) su privacy, crittografia e sicurezza dei dati. Illustreremo il sistema WHONIX per l’accesso ‘facile’ alla rete TOR e poi il solito pistolotto sui vantaggi di Software Libero e GNU/Linux (ricordiamoci che quest’anno festeggiamo 30 anni di GNU).
Ah, ovviamente, install fest (portatevi DVD vuoti per farvi masterizzare la vostra copia della distribuzione preferitae e PC di cui avete già fatto il backup per farvi aiutare dai volontari ad installare GNU/Linux).


Per dettagli e annunci http://www.materalinux.it/
Enjoy!